Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Antifurto casa

Scopri l'antifurto casa e gli allarmi per la sicurezza della tua abitazione. Se stai pensando all'acquisto di un antifurto senza fili o di sensori di movimento sei nel posto giusto. Grazie al nostro sito potrai trovare la risposta a tutti i tuoi dubbi sull'antifurto casa. Il nostro team di esperti è a tua completa disposizione per aiutarti nella normali problematiche che puoi incontrare o per aiutarti nella miglior scelta nell'acquisto di un antifurto.

  • Kit antifurto wireless: efficacia, qualità e semplicità nell’installazione

    20 maggio 2018 • Antifurto wirelessNessun commento

    Ad oggi la soluzione wireless sembra essere l’ideale per chi vuole montare in semplicità ed autonomia il proprio antifurto, soprattutto perché si presenta un metodo risolutivo per chi vive in un appartamento privo di predisposizione o per chi vuole mettere in sicurezza un ufficio o una piccola zona senza diventare matto con innumerevoli cavi in giro. Si tratta di un sistema senza fili che può essere installato anche da chi non ha chissà quale manualità o da chi non possiede conoscenze tecniche specializzate.

    I kit antifurto senza fili possono essere acquistati anche online e contengono tutto il necessario per una salvaguardia sufficientemente sicura; al contempo sono integrabili con un alto numero di componenti: parliamo di telecamere, combinatori telefonici, sensori aggiuntivi e tanto altro ancora. Ecco quali sono gli elementi che compongono un kit antifurto wireless: centrale antifurto, sensori antifurto-contatti magnetici e/o sensori volumetrici, sirena sonora e lampeggiante.

    Un’ultima raccomandazione, i prezzi sono sostenibili ed alla portata di tutte le diverse esigenza ma… occhio alle truffe quando ci si imbatte in pressi stranamente ed eccessivamente bassi!

  • Kit di Videosorveglianza: prezzi e caratteristiche

    15 maggio 2018 • VideosorveglianzaNessun commento

    L’evoluzione progressiva dei Kit di Videosorveglianza ha avuto nel tempo, come naturale conseguenza, l’incremento dell’offerta in termini quantitativi e qualitativi, con la diffusione di sistemi per la sicurezza differenti tra loro e con prezzi molto competitivi da proporre in base alle esigenze dei clienti.

    I kit sono infatti pensati per facilitare e migliorare il processo di installazione dei sistemi. I costi possono variare molto: si parla di qualche centinaia di euro per i kit di videosorveglianza wireless, caratterizzati da un quantitativo ridotto di telecamere e dalla presenza di tecnologie di base per quanto concerne risoluzione, qualità e prestazioni generali.

    Si parla invece di migliaia di euro per i kit di videosorveglianza professionali, creati da aziende esperte nel settore: questi ultimi sono realizzati attraverso le più recenti tecnologie ed offrono dotazioni esclusive in termini di accessori e di telecamere complesse impiegate, come ad esempio le Speed Dome o le telecamere PTZ, che permettono di avere il controllo a 360 gradi del movimento dell’obiettivo attraverso un apposito software o direttamente dal videoregistratore provvisto di comandi.

    La scelta dipende molto sia dalla varietà dei costi che offre questo tipo di mercato, sia dalle specifiche esigenze che si hanno nella realizzazione del proprio impianto di videosorveglianza. I prezzi dei kit possono risultare molto sostenibili da un punto di vista commerciale, tali da indurre a mettere in secondo piano gli aspetti tecnico-qualitativi: un’eventualità, questa, che potrebbe oscurare l’obiettivo primario dell’acquisto, ossia la sicurezza ed un controllo efficace della propria abitazione o del proprio ufficio.

  • Contatti magnetici: ecco cosa sapere

    09 maggio 2018 • Antifurti1 Commento

    I Contatti magnetici sono componenti molto semplici da installare e al tempo stesso utili per proteggere sia le porte che le finestre o le tapparelle della propria abitazione da eventuali tentativi di effrazione. Il contatto magnetico è caratterizzato da due parti: quella del contatto Reed e quella del magnete. Consiste in due piccoli contatti apposti rispettivamente sul battente della porta e sull’infisso della finestra: quando le due parti vendono separate e quindi si allontanano l’una dall’altra, inviano un segnale alla centrale che, a sua volta, fa scattare l’allarme.

    In commercio sono molto diffusi ed esistono diverse tipologie di contatti magnetici, disponibili sia nella versione via radio che in quella via cavo: i contatti “a vista”, ossia visibili ad occhio nudo, e quelli “da incasso”, più piccoli e discreti. Si tratta di una scelta che generalmente va fatta in base alla forma, alla struttura ed al materiale della porta e della finestra da proteggere, nonché al livello di sicurezza che si intende raggiungere per la propria casa.

    Tra i vantaggi che riguardano la scelta di dotarsi di questo tipo di tecnologia Reed si possono annoverare la semplicità d’installazione (che può avvenire anche autonomamente senza l’ausilio di tecnici specializzati), l’economicità dell’acquisto e la possibilità di comprarli anche on line; tra gli svantaggi vi è l’aspetto della sicurezza parziale, in quanto questo tipo di allarme scatta soltanto in seguito ad intrusione esterna avvenuta, di conseguenza ciò presuppone già un danneggiamento avvenuto su porte e finestre.

  • Fototrappole: come e dove usarle

    03 maggio 2018 • Videosorveglianza1 Commento

    Sentiamo spesso parlare di fototrappole, ma cosa sono? Si tratta di uno strumento che, posizionato da remoto, riesce a registrare quando c’è movimento. Ciò dà la possibilità di catturare immagini e video in ogni momento da rivedere in seguito. Il suo funzionamento è piuttosto semplice: come prima cosa, si apre la Scout Camera, si impostano i comandi utilizzando i pulsanti al suo interno, si richiude lo sportello e lo si colloca nel luogo scelto. Riuscirete a impostare e utilizzare facilmente quasi tutte le fotocamere.

    I comandi principali

    I comandi principali delle fototrappole sono essenzialmente due:

    Tipo di registrazione
    Il tipo di registrazione nella maggior parte delle fototrappole si divide in tipologie: possono registrare video di alta qualità o immagini fisse. Per ottenere risultati ottimali, queste attrezzature in genere danno la possibilità di impostare le dimensioni e la qualità delle registrazioni. Com’è facilmente intuibile, sono i video ad occupare uno spazio maggiore di memoria. Pertanto, qualora voleste registrare soprattutto video, è consigliabile procurarsi una memoria più capiente.

    Caratteristiche della registrazione
    A seconda se preferiate registrare un video o scattare fotografie, avrete la possibilità di lavorare su diverse impostazioni, come la durata del video, le dimensioni e la qualità della foto, la sensibilità del sensore, il tempo di scatto, il numero di fotogrammi da scattare quando si rileva il movimento. Ogni modello scegliate avrà funzioni diverse da poter impostare.

    Ad esempio, utilizzando modelli più sofisticati potrete regolare la sensibilità del movimento. Questo vi permetterà di poter decidere di registrare solo il movimento di oggetti di certe dimensioni, ignorando, al contrario, movimenti di oggetti più piccoli in movimento. Si tratta di un’impostazione che si può rivelare estremamente utile in diverse circostanze. Se vi trovate in un bosco, la fototrappola eviterà di entrare in funzione se vi è molto vento e, quindi, molto movimento intorno. In ogni caso, difficilmente basta del semplice vento per far scattare delle registrazioni. Infatti, il sensore PIR è sensibile esclusivamente a movimenti di oggetti con un calore differente alla temperatura ambientale.

    Utilizzi e Applicazioni per le Fototrappole:

    Il principale utilizzo delle Trail Camera è rivolto al controllo e all’osservazione della fauna selvatica. Infatti, collocandole in un luogo remoto, sono perfette per tenere traccia della fauna circostante. E quello che riescono a mostrare è sempre sorprendente. Negli ultimi anni, le fototrappole sono state utilizzate soprattutto per monitorare specie rare di animali, altrimenti difficilmente rintracciabili.

    Di recente, infatti, alcuni ricercatori, attraverso queste fotocamere, hanno avuto la possibilità di osservare alcune tigri molto rare presenti in aree sperdute nel Bhutan. Sono, quindi, strumenti molto efficaci ed importanti nella ricerca in tutto il mondo.

    Recentemente, Gordon Buchanan i ricercatori hanno usato fototrappole per tenere traccia di rare tigri sepolte nel profondo della montagna Bhutan in ‘Lost Land of the Tiger’ . Si tratta di una lunga serie in continua ricerca e la conservazione di tutto il mondo.

    Le fototrappole possono essere utilizzate anche a scopo di sicurezza. Infatti, risultano utili sia come videosorveglianza in proprietà circoscritte, come edifici, giardini o garage, sia in luoghi aperti, come discariche abusive, dighe, recinzioni perimetrali. Vengono usate anche per proteggere e sorvegliare fauna (bracconaggio, abusi su animali) e bestiame (furto e stato di salute). Infine, possono essere utilizzare anche nel campo industriale per il controllo dei macchinari.

  • Vecchi sensori ad ultrasuoni

    – I vecchi sensori ad ultrasuoni. Ancora efficaci o tecnologia sorpassata?
    Quando parliamo di sicurezza, non possiamo permetterci di lasciare nulla al caso. Le tecniche dei malintenzionati per infiltrarsi nelle abitazioni e negli esercizi commerciali si vanno facendo via via sempre più raffinate ed è necessario dotarsi di sistemi all’avanguardia per tenere al sicuro i propri beni.

    Nel corso del tempo l’offerta per i dispositivi di allarme si è molto ampliata, arrivando a comprendere anche kit per la sicurezza completamente autoinstallanti, che strizzano l’occhio agli amanti del fai da te, ma possono essere montati senza particolare impegno anche da chi non ha molta dimestichezza con i lavori manuali, senza necessità dell’intervento di un tecnico specializzato all’installazione.

    Nel passato, il principale sistema di rilevazione di un’ intrusione montato in casa, negli esercizi commerciali, ma anche nelle automobili e nei camion come dispositivo antifurto, era costituito da sensori ad ultrasuoni che sono nati nel 1953, ad opera di Samuel M. Bagno e distribuiti dalla Alertronic Corp. Il principio applicato per il funzionamento di questi dispositivi è l’effetto doppler; lo strumento emette una serie di onde sonore ad elevata frequenza, che si irradiano nello spazio circostante e sono, in realtà, in grado di coprire degli spazi anche discretamente elevati. Il sistema si basa sull’analisi degli spostamenti imprevisti d’aria in uno spazio chiuso e rilevava eventuali persone in movimento, ma poteva essere applicato anche alle finestre o per monitorare gli incendi. Qual è però il difetto di una strumentazione di questo tipo? Nonostante l’affidabilità di questo genere di sensori fosse stata migliorata col tempo da Bagno permettendo un settaggio delle impostazioni più preciso, i falsi allarmi erano comunque frequenti. Ogni variazione più sensibile della pressione dell’aria poteva generarne l’attivazione, anche se in realtà non era in corso alcuna intrusione. Il problema si presentava spesso sugli autoveicoli, prima che il sistema venisse del tutto sostituito dagli antifurto di ultima generazione, dal momento che bastava un veicolo che passasse a velocità più sostenuta per far scattare l’allarme sonoro

    – Le alternative ad infrarossi e microonde.
    Attualmente vengono venduti comodi kit da installare in autonomia che sfruttano le migliori tecnologie attualmente disponibili. Infrarossi e microonde hanno da tempo soppiantato i sensori da ultrasuoni, eliminando quasi del tutto il problema dei falsi allarmi con un meccanismo più preciso e sensibile e garantendo all’impianto un’efficienza senza precedenti. Esistono alternative progettate per essere gestite completamente in wireless, quindi senza nessun cavo, combinate con l’uso del proprio smartphone o tablet. A questi si associano una serie di sirene, sensori e altri componenti in grado di rilevare qualsiasi anomalia. Spesso le centraline sono collegate 24 h al giorno ad un hub di assistenza in grado di fornire risposte ai dubbi e suggerimenti di installazione, oltre ad intervenire nelle situazioni di emergenza, ad esempio contattando le autorità.

  • Come scegliere il migliore l'impianto di allarme, antifurto casa: consiglio dal vostro blog, forum

    02 febbraio 2014 • Antifurti, Installazione antifurto0 Commenti

    proteggi_casaSalve,
    sto valutando su vari forum i prezzi degli antifurto casa sia senza fili che con i fili, cioè filare. Sto cercando un kit allarme preferibilmente senza fili e sinora i blog mi sono stati molto utili.


    Cercando fra opinioni, recensioni, suggerimenti, varie guide, ho visto che i prezzi sono molto variabili e voglio un consiglio su un impianto anti intrusione sia per casa che per l'ufficio.


    Quindi come faccio ad installare un buon impianto di allarme senza fili? quale è il miglior antifurto casa?


    Meglio gsm, pstn, collegato alla linea fissa, con APP, con sms o senza, via smartphone? lo collego ai carabinieri? usufruisco della detrazione statale sugli impianti antifurti? Quali sensori mettere? e che sirena scelgo?


    Ho già chiesto vari preventivi, ho confrontato prezzi ed offerte, insomma come scegliere un buon antifurto casa?


    Alla fine mi sono orientato per il fai da te cosi' risparmio e ho la massima tranquillità e qualità.


    Per la protezione casa vorrei progettare un antifurto senza fili, ho visto anche dei video su youtube. Quindi vi chiedo qualche consiglio per allarmi per casa e impianti di videosorveglianza per la mia villetta a schiera.


    Consigli?


    Grazie




    Salve,
    benvenuto sul nostro blog che è anche un forum e consente di lasciare commenti, richiedere informazioni ed aiuto sui sistema antintrusione, gli allarmi e gli antifurti per casa sia senza fili ma anche via filo.

    Molti ci chiedono quale sia il miglior sistema di allarme. Ma ovviamente dipende dalla situazione di ciascuno di noi.


    Progettare un impianto antifurto senza fili è semplice e poi farlo da solo.

    Se vuoi, mandaci una piantina della tua casa e ti invieremo qualche consiglio


    A presto



Inviaci una domanda Scopri la nostra offerta