Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Antifurto casa

Scopri l'antifurto casa e gli allarmi per la sicurezza della tua abitazione. Se stai pensando all'acquisto di un antifurto senza fili o di sensori di movimento sei nel posto giusto. Grazie al nostro sito potrai trovare la risposta a tutti i tuoi dubbi sull'antifurto casa. Il nostro team di esperti è a tua completa disposizione per aiutarti nella normali problematiche che puoi incontrare o per aiutarti nella miglior scelta nell'acquisto di un antifurto.

  • Digital Video Recorder e funzione Full D1

    15 Dicembre 2018 • VideosorveglianzaNessun commento

    Gli impianti per la videosorveglianza, ad oggi, risultano sempre più necessari e risolutivi per le persone che desiderano proteggere al meglio la sicurezza delle abitazioni, dei negozi, delle aziende, degli enti pubblici, delle attività commerciali e così via. Uno dei più importanti elementi presenti all’interno dei sistemi per la videosorveglianza è rappresentato dal videoregistratore DVR (Digital Video Recorder): parliamo di un dispositivo che ha il compito indispensabile di processare le immagini generate dalle telecamere in modalità digitale, consentendo in tal modo registrazioni prolungate e caratterizzate da un alto grado di qualità. Il Digital Video Recorder registra e archivia le immagini catturate e funge da filtro di collegamento tra le telecamere ed il monitor. Possiede inoltre l’importante funzione di controllo a distanza tramite la rete internet, e consente la trasmissione delle immagini in tempo reale. Il Digital Video Recorder è dunque uno degli apparecchi più importanti di un impianto di videosorveglianza, in quanto rappresenta il vero e proprio cuore dell’interno sistema di videosorveglianza.

    Sul mercato della sicurezza esistono diverse tipologie di Digital Video Recorder per la videosorveglianza; la scelta del DVR è fondamentale e deve essere effettuata pensando anche all’integrazione con il resto dell’impianto. Inoltre, nel caso in cui risulti necessario, questo dispositivo deve essere in grado di supportare determinate funzioni come la cosiddetta funzione Full D1: vediamo insieme di cosa si tratta. La denominazione Full D1 sta ad indicare che tutti i canali di un Digital Video Recorder, durante la fase di registrazione, possiedono la risoluzione 704×576 pixel, che le immagini generate mantengono un buon grado di risoluzione e che sono prive di scatti. Tutti i Digital Video Recorder garantiscono la possibilità di registrare in risoluzione 704×576 pixel, ma senza la funzione Full D1 si determina una carenza in termini di fluidità delle immagini.

    Ovviamente la funzione Full D1 non risulta necessaria per tutti gli utenti, ma lo è principalmente per coloro i quali desiderano di un servizio di monitoraggio performante e professionale, come ad esempio avviene per le pubbliche amministrazioni, per le grandi aziende private e via dicendo (non è un caso che i Digital Video Recorder che possiedono la funzione Full D1 non sono altamente diffusi in commercio e mantengono ancora dei costi notevolmente alti e quindi non accessibili ai più). Detto ciò, è bene sottolineare che non si registrano ragguardevoli differenze tra un modello Digital Video Recorder con funzione Full D1 e un dispositivo DVR senza questa specifica funzione. Pertanto, dato il prezzo molto elevato, è consigliabile dotarsi di un normale videoregistratore Digital Video Recorder ad un costo più equo ed accessibile, piuttosto che spendere molto denaro per una funzione non necessaria se non nelle specifiche circostante sopra citate. Per quanto riguarda i costi dei normali Digital Video Recorder, questi mutano a seconda del numero dei canali e della tecnologia che li qualifica. Ovviamente, l’acquisto di questo importante dispositivo va vagliato caso per caso, prendendo una decisione accurata in base alla specifiche esigenze e necessità di sicurezza da parte del cliente.

  • Telecamera Axis a Cupola per uso esterno

    10 Dicembre 2018 • Videosorveglianza1 Commento

    L’azienda Axis è una delle più conosciute nel mondo delle telecamere per la videosorveglianza su protocollo IP. La Axis, leader nel settore, ha proposto recentemente un nuovo tipo di telecamera adatta anche per l’installazione in ambienti all’aperto. Si tratta del modello denominato M3027-PVE: parliamo di una telecamera di rete Dome a cupola ad alta risoluzione (può arrivare sino a 5 megapixel con una lente da 2.8 millimetri), la quale si può installare davvero ovunque (al di sotto di un portico, su una parete o ancora sul soffitto ecc.), e consente di avere una panoramica a 360 gradi dell’ambiente monitorato (180 gradi quando l’installazione avviene sulla parete).

    La Axis M3027-PVE è una camera con viste panoramiche davvero dettagliate e ad altissima qualità e risoluzione. La forma a cupola pensata appositamente per essere protetta in ambiente esterno, può essere usata per individuare attività nei paraggi, monitorare il flusso delle persone presenti nell’area e migliorare la gestione e la sorveglianza delle zone all’aperto circostanti. Questo tipo di telecamera risulta dunque l’ideale per l’installazione in ambienti sia interni che esterni ad esempio presso gli hotel, le stazioni di rifornimento, le attività commerciali, i ristoranti, le scuole, i negozi, gli uffici e così via.

    Il nuovo modello M3027-VE è capace di resistere all’azione degli agenti atmosferici, ai tentativi di manomissione e soprattutto agli eventuali atti vandalici, consente di realizzare riprese in notturna ed è dotato di porte di I/O per il collegamento ad altri dispositivi esterni. Per quanto riguarda il grado di protezione, parliamo di un livello molto alto, ossia l’IP66, che corrisponde ad un tipo di protezione totale contro le ondate di acqua, la polvere, la pioggia e le intemperie in generale. Inoltre, grazie al supporto della tecnologia chiamata Power Over Ethernet, si può utilizzare un unico cavo sia per il collegamento di rete che per l’alimentazione, facilitando così di molto la fase di installazione. Questo tipo di telecamera possiede inoltre uno slot integrato per la scheda micro SDHC, che consente di registrare in maniera continua con una autonomia di svariati giorni su di una scheda di memoria locale, il tutto in un formato denominato Motion Jpeg e H264.

    Si tratta di una telecamera per la sorveglianza con funzionalità denominata “Day-Night”, dotata inoltre di un filtro ad infrarosso rimovibile in maniera automatica. Nel momento in cui il filtro viene rimosso, la telecamera sfrutta la luce ad infrarossi (invisibile all’occhio umano) per realizzare riprese anche nelle ore notturne ottenendo una buona qualità immagini e video in bianco e nero. In più, la telecamera viene già messa a fuoco al momento della consegna, così da ridurre ulteriormente i tempi utili per l’installazione. Le telecamere Axis M3027-PVE offrono il sistema di rilevazione di movimento e possiedono un impianto di allarme caratterizzato dalla funzione detta di anti-manomissione. La fotocamera è in grado di supportare anche l’installazione di applicazioni video intelligenti (Intelligent Video) come ad esempio il conteggio delle persone e la mappatura del calore dei corpi in movimento, tramite l’Axis Camera Application Platform.

  • Caratteristiche e tipologie dei Sensori da esterno

    I sensori da esterno vengono usati per captare e di conseguenza segnalare le eventuali intrusioni da parte di ospiti indesiderati in zone molto ampie; frequentemente vengono utilizzati anche per consentire un intervento rapido da parte del proprietario dell’abitazione prima che il ladro o il malintenzionati riesca a forzare dia le porte che le finestre presenti. In commercio esistono svariate tipologie di sensori da esterno, di seguito vediamo insieme quali sono le principali:

    Sensori ad infrarosso attivo: si tratta di sensori caratterizzati da due componenti che si inviano a vicenda raggi ad infrarosso; in tal modo si genera una sorta di barriera invisibile all’occhio umano che, se interrotta, fa scattare l’allarme. Parliamo di barriere sottilissime, perfette per essere applicate sia sulle porte che sulle finestre, gradevoli a livello estetico ma soprattutto efficienti. I sensori che sfruttano la tecnologia ad infrarosso si possono programmare in base alle specifiche esigenze dell’utente, così da evitare il verificarsi di odiosi falsi allarmi causati per esempio dalle foglie spostate dal vento o ancora per lo spostamento degli animali domestici. Il grosso vantaggio di questo tipo di apparecchi è costituito dal fatto che sono dotati di due sensori che dialogano fra loro, aspetto che rende assai difficile un eventuale tentativo di sabotaggio. Inoltre, risultano funzionanti in modo ottimale anche con porte e finestre aperte, cosa che consente la parzializzazione del sistema.

    Sensori a microonde: parliamo di sensori che creano una barriera sensibile, generando una serie di onde elettromagnetiche ad alta frequenza; risultano molto sicuri soprattutto perché sono in grado di ridurre al minimo i falsi allarmi ed è difficile sabotarli. Questi sensori a microonde sono caratterizzati da due componenti principali: un ricevitore ed un trasmettitore. Nel caso in cui venisse rilevato l’attraversamento della zona sottoposta al monitoraggio, l’intensità del segnale captato dal ricevitore si abbasserà e verrà segnalato l’alert. Per un buon funzionamento dei sensori a microonde è consigliabile mantenere il segnale sempre costante (uno svantaggio sta nel fatto che il sensore è molto sensibile anche agli agenti atmosferici come pioggia e grandine, che potrebbero diminuire il segnale). Risultano l’ideale soprattutto per le aree ampie come i giardini e i cortili, proprio perché assicurano una copertura maggiore rispetto a quella dei sensori con tecnologia ad infrarosso.

    Sensori ad infrarosso passivo: si tratta di sensori caratterizzati da un unico elemento che monta lenti particolari capaci di rilevare la variazione di temperatura dovuta all’attraversamento della zona sottoposta al controllo. Questi sensori ad infrarosso ti tipo passivo sono la soluzione più diffusa per via della semplicità dell’installazione ma anche per l’ampia copertura che sono in grado di garantire e per il prezzo abbastanza contenuto (nel momento dell’acquisto è bene assicurarsi che siano dotati di protezione anti-mascheramento e anti-accecamento).

    Sensori a doppia tecnologia – infrarosso e microonde: questa tipologia di sensori rappresentano una interessante sviluppo dei sensori ad infrarosso passivo. Sono pensati e realizzati per assicurare maggior sicurezza e per limitare al massimo i fastidiosi i falsi allarmi, sfruttano sia la tecnologia ai raggi ad infrarosso sia quella a microonde. È proprio l’unione di queste sue tecnologie a far sì che si riescano a superare determinati limiti presenti nei tradizionali sensori ad infrarosso passivo (generalmente sono dotati di protezioni anti-mascheramento e anti-accecamento).

  • Furto in abitazione da oltre 5 milioni di euro

    29 Novembre 2018 • Senza categoria1 Commento

    Parliamo di un furto storico, un vero e proprio record in quanto si tratta di uno dei colpi più consistenti mai messo a segno nel corso degli ultimi anni. Il valore ipotizzato (in quanto la cifra potrebbe essere anche maggiore) si aggira attorno ai 5 milioni di euro; il fatto di cronaca è avvenuto nella notte a cavallo tra il 19 ed il 20 settembre del 2015, ai danni di alcuni ex industriali residenti nella città di Torino, all’interno dello stabile situato in Via Giolitti. All’interno della cassaforte, nella quale erano serbati i preziosi e i vari ricordi di famiglia, erano presenti anche alcuni gioielli molto rari risalenti alla fine dell’Ottocento e agli inizi del Novecento. Alcuni di questi oggetti di inestimabile valore erano stati realizzati da maestri orafi milanesi e veneti nell’800, così come le parure e i bracciali con smeraldi, diamanti e rubini. La cassaforte era occultata all’interno di una parete nascosta con un doppio fondo (soltanto pochissimi familiari, oltre ai domestici, conoscevano il luogo in cui era nascosto il forziere con tutti i suoi tesori).

    Per quanto riguarda le indagini, la proprietaria, una donna di 62 anni, aveva presentato la denuncia quel fine settimana, mentre si trovava fuori città per passare dei giorni nella tenuta in campagna. Inoltre nessun inquilino dichiara di aver sentito rumori particolari o di aver percepito qualche circostanza ambigua. Probabilmente, secondo la ricostruzione degli inquirenti, i ladri sono stati informati da qualcuno sulle abitudini della proprietaria e, soprattutto, sui suoi movimenti.

    I malviventi sono riusciti a scassinare la porta di ingresso, insieme alla cassaforte ed al sistema di allarme, il tutto senza lasciare alcuna traccia, nessuna impronta o segno di effrazione. Un furto sicuramente ben studiato ed attuato da veri professionisti. In base a quanto dichiarato dagli investigatori, alla manovra avrebbero partecipato in quattro, il tutto concentrandosi sulla cassaforte senza al contempo considerare di rubare altri oggetti preziosi di cui la casa era piena. Per introdursi nella porta di ingresso hanno usato i doppioni delle chiavi, o comunque determinati attrezzi utili per duplicare le chiavi originali. Ancora da chiarire se i malviventi sono passati dalla porta di ingresso principale o se si sono calati dai balconi vicini. L’aspetto più eclatante è che questi ladri siano riusciti a sfuggire al sistema di allarme e a bypassare il problema della combinazione della cassaforte.

    Per quanto concerne la pista, gli investigatori hanno sentito uno ad uno sia i familiari che i domestici, proprio per cercare il maggior numero di informazioni e contingenze anomale verificatesi nei giorni procedenti al colpo. Ovviamente, la refurtiva in questione non può trovare mercato attraverso i tradizionali canali di ricettazione, proprio perché il rischio di rivendere determinati gioielli catalogati e realizzati apposta per i membri della famiglia sarebbe troppo alto. Questa specifica tipologia di colpo suggerisce invece la pista del furto su commissione, magari proprio da parte di collezionisti d’oltralpe particolarmente interessati all’arte orafa del nostro Paese.

  • Opinioni recensioni sicurezzapro superokkio blog forum

    29 Novembre 2018 • Antifurto della settimana4 Commenti

    Messaggio promozionale

    logo_sicurezzapro

    Sicurezza.pro
    Produttore sistemi di allarme

    Clienti (2019): 100000

    Presenza su ebay: SI, 100% feedback positivo
    Prodotti di punta: superokkio

    Descrizione: Sicurezza pro vende da anni allarmi semplici ed efficaci installabili in fai da te in modo pratico e veloce. Acquistando online direttamente sono garantiti prezzi da ingrosso anche ai singoli clienti privati. La consegna avviene tramite corriere espresso. Sicurezza.pro vi assicura un prezzo così basso grazie all’assenza di intermediari come distributori o rivenditori, senza rinunciare alla qualità ed alla sicurezza.
    Inoltre grazie alla facilità di installazione potrete tenere il prezzo ancora più basso, non dovendovi affidare necessariamente ad installatori o elettricisti. Sicurezzapro offre, infatti, anche assistenza tecnica tramite numero verde gratuito.
    I numeri di questo successo? Oltre 100.000 antifurti venduti negli ultimi 12 anni, una garanzia di qualità di un successo consolidato nel tempo.
    Tutti i prodotti in vendita, rientrano nell’agevolazione statale del 50%.

    Novità è il modulo wifi per la centrale di allarme super okkio.

    Vostri click sulle stelline: voto medio 4.6/5.0 ECCELLENTE

    Lascia la tua recensione / opinione nello spazio in basso.

    Se sei contento puoi cliccare sulle stelline (4 o 5 stelle) quindi scrivi anche il tuo giudizio.

    Se vuoi rilasciare una recensione negativa clicca sulle stelline (3 stelle o meno) e poi scrivi il tuo commento

    Se desideri aprire un reclamo contro sicurezza pro contatta il numero telefonico 02/89950773

  • Come scegliere il migliore l'impianto di allarme, antifurto casa: consiglio dal vostro blog, forum

    02 febbraio 2014 • Antifurti, Installazione antifurto0 Commenti

    proteggi_casaSalve,
    sto valutando su vari forum i prezzi degli antifurto casa sia senza fili che con i fili, cioè filare. Sto cercando un kit allarme preferibilmente senza fili e sinora i blog mi sono stati molto utili.


    Cercando fra opinioni, recensioni, suggerimenti, varie guide, ho visto che i prezzi sono molto variabili e voglio un consiglio su un impianto anti intrusione sia per casa che per l'ufficio.


    Quindi come faccio ad installare un buon impianto di allarme senza fili? quale è il miglior antifurto casa?


    Meglio gsm, pstn, collegato alla linea fissa, con APP, con sms o senza, via smartphone? lo collego ai carabinieri? usufruisco della detrazione statale sugli impianti antifurti? Quali sensori mettere? e che sirena scelgo?


    Ho già chiesto vari preventivi, ho confrontato prezzi ed offerte, insomma come scegliere un buon antifurto casa?


    Alla fine mi sono orientato per il fai da te cosi' risparmio e ho la massima tranquillità e qualità.


    Per la protezione casa vorrei progettare un antifurto senza fili, ho visto anche dei video su youtube. Quindi vi chiedo qualche consiglio per allarmi per casa e impianti di videosorveglianza per la mia villetta a schiera.


    Consigli?


    Grazie




    Salve,
    benvenuto sul nostro blog che è anche un forum e consente di lasciare commenti, richiedere informazioni ed aiuto sui sistema antintrusione, gli allarmi e gli antifurti per casa sia senza fili ma anche via filo.

    Molti ci chiedono quale sia il miglior sistema di allarme. Ma ovviamente dipende dalla situazione di ciascuno di noi.


    Progettare un impianto antifurto senza fili è semplice e poi farlo da solo.

    Se vuoi, mandaci una piantina della tua casa e ti invieremo qualche consiglio


    A presto



Inviaci una domanda Scopri la nostra offerta