Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Antifurto casa

Scopri l'antifurto casa e gli allarmi per la sicurezza della tua abitazione. Se stai pensando all'acquisto di un antifurto senza fili o di sensori di movimento sei nel posto giusto. Grazie al nostro sito potrai trovare la risposta a tutti i tuoi dubbi sull'antifurto casa. Il nostro team di esperti è a tua completa disposizione per aiutarti nella normali problematiche che puoi incontrare o per aiutarti nella miglior scelta nell'acquisto di un antifurto.

  • Quando si può parlare di allarme silenzioso

    10 Giugno 2021 • SireneNessun commento

    Quando si riflette sulla definizione di allarme silenzioso, potremmo trovare qualche difficoltà nell’usare dei termini precisi. Se un allarme è silenzioso chiaramente non agirebbe come deterrente vero e proprio per i ladri, i quali, non sentendo nulla, non sarebbero neanche indotti a scappare. Tuttavia possiamo parlare di allarme silenzioso nel senso che può capitare che l’allarme suoni tutta la notte anche indipendentemente dall’intrusione effettiva nella nostra casa da parte di malintenzionati. Ci riferiamo anche alla possibilità di un falso allarme e di un allarme che non si arresti facilmente nel suo suonare. Tutto ciò potrebbe creare un disturbo sia per noi che per i vicini. Per cui conviene sempre fare molta attenzione quando decidiamo di installare nella nostra casa un antifurto dotato di sirena.

    Il controllo sulla sirena dell’antifurto

    La sirena dell’antifurto è un elemento fondamentale, perché può essere veramente quello dissuasivo, che induce i ladri a scappare e quindi a non commettere il furto, dopo che si sono introdotti nella nostra proprietà.

    Spesso infatti i ladri hanno difficoltà nel localizzare l’elemento sonoro del nostro sistema di allarme. Di solito è dotata di un suono molto acuto, in modo da allertare anche tutti quanti si trovino nelle vicinanze.

    È molto importante che però, attraverso un apposito sistema di controllo, noi abbiamo la possibilità di disattivare o di attivare l’allarme sonoro a seconda delle situazioni.

    È fondamentale che, una volta terminata la situazione di pericolo, la sirena dell’allarme possa essere controllata in modo adeguato, per fare in modo che il suono non crei fastidio per un periodo prolungato.

    L’integrazione con altri sistemi di protezione

    Naturalmente parlando di allarme silenzioso, quindi, ci riferiamo al suono della sirena che possa essere oggetto di specifico controllo da parte dell’utente. Ma da sola la sirena può bastare a garantire la protezione assoluta della nostra abitazione?

    La risposta potrebbe essere non affermativa in questo caso, perché bisogna sempre fare attenzione, in modo che la sirena sia integrata, nell’ambito di un sistema di allarme più complesso, con altri elementi molto importanti.

    Innanzitutto si possono chiaramente inserire dei sensori che si attivino nel dare l’allarme in caso di pericolo. Sono proprio i sensori che fanno scattare l’allarme determinato anche dal suono della sirena, sensori che a seconda dei casi possono essere perimetrali o volumetrici.

    Inoltre non trascurare l’importanza, in termini di un sistema di protezione completa, della videosorveglianza, installando anche delle apposite telecamere nell’area da proteggere.

  • Le telecamere contapersone da integrare con i sistemi di sicurezza

    03 Giugno 2021 • VideosorveglianzaNessun commento

    Sicuramente avrai sentito parlare, nell’ambito delle più moderne soluzioni di sicurezza, delle telecamere contapersone. Si tratta di strumenti per la videosorveglianza che includono anche un sistema molto preciso per il conteggio degli individui. Sono delle telecamere davvero avanzate dal punto di vita tecnologico, che, specialmente in un periodo così delicato e difficile come quello che stiamo attraversando anche nel nostro Paese, risultano molto utili in differenti settori, come quelli dei punti vendita e dei centri commerciali. Andiamo ad analizzare di che cosa si tratta e come funzionano le telecamere contapersone.

    Le funzionalità delle moderne tecnologie

    Le telecamere contapersone sono degli strumenti funzionali che risultano molto utili ad esempio per evitare il rischio di assembramenti all’interno di locali pubblici. L’obiettivo di queste telecamere di sorveglianza è quello di ridurre il numero delle persone che si trovano all’interno di un locale.

    In una fase precedente alla diffusione dell’epidemia e all’emergenza sanitaria in corso in questo periodo, le telecamere con il conteggio delle persone venivano usate soprattutto nel settore del marketing, per effettuare in modo preciso un’analisi di ciò che accadeva all’interno di un negozio, studiando così come potevano essere organizzati al meglio gli spazi di esposizione e la distribuzione del personale.

    Le soluzioni da integrare con la videosorveglianza e un sistema antifurto

    Questi strumenti si configurano comunque come degli ottimi elementi capaci di rafforzare la sicurezza all’interno di un locale aperto al pubblico. In commercio esistono molte soluzioni di questo tipo, delle telecamere di sicurezza che si integrano perfettamente con le soluzioni antifurto già esistenti all’interno di un locale commerciale.

    Queste telecamere si integrano in modo corretto con le soluzioni antifurto moderne e garantiscono delle funzionalità extra, grazie agli ultimi ritrovati delle tecnologie. Ad esempio è possibile usare delle telecamere avanzate dal punto di vista tecnologico per rilevare le zone di un locale maggiormente frequentate, per rilevare eventuali intrusioni e per fare attenzione all’eventuale presenza di persone o di oggetti in un determinato luogo.

    Unire queste telecamere a delle soluzioni contro furti e intrusioni è essenziale per garantire la piena sicurezza in un locale, anche per quanto riguarda l’ambito della sicurezza nei negozi.

  • Batteria dell’antifurto: quanto dura e come sostituirla

    26 Maggio 2021 • BatterieNessun commento

    Quanto dura la batteria dell’antifurto? Cominciamo col dire che la batteria dell’allarme antifurto costituisce un elemento molto importante. Di solito si distinguono due tipologie. Gli impianti con fili hanno la cosiddetta batteria tampone, mentre gli impianti wireless sono dotati generalmente di una batteria al litio. Sembrerebbe strano, ma anche gli allarmi cablati hanno una batteria, perché agisce come batteria di riserva e si attiva nel momento in cui dovesse mancare la corrente. In questo modo la batteria tampone appare come una garanzia in più per far funzionare il sistema di sicurezza.

    Quanto dura la batteria per un sistema antifurto

    In media una batteria per un sistema antifurto dura circa due anni. Tutto però dipende dall’utilizzo più o meno intensivo che si fa del sistema di allarme.

    Le batterie al litio sono quelle che riescono a durare di più nel corso del tempo. Inoltre si mantengono cariche a lungo. Di solito ci possiamo accorgere che la batteria si è scaricata o si sta per scaricare, perché ci sono alcuni segnali molto evidenti.

    Spesso per esempio per questo problema può capitare che alcuni sensori non vengano attivati. Altre volte, quando si scarica la batteria, si innesca la sirena, determinando un falso allarme. In genere, nei sistemi più moderni, quando il livello della batteria è basso, viene inviato un segnale acustico prolungato o si accendono delle luci a LED.

    Come procedere alla sostituzione della batteria

    Se hai un allarme con fili, è consigliabile cambiare almeno ogni tre anni la batteria tampone. Per sostituirla devi svitare il pannello che copre la centralina, sostituire la vecchia batteria con quella nuova, inserendola nel verso corretto, ed eseguire poi un test di funzionamento.

    Se hai un sistema wireless e quindi devi sostituire la batteria al litio, devi aprire il dispositivo con un cacciavite. Poi rimuovi la batteria esaurita e inserisci quella nuova.

    È comunque sempre molto importante controllare ogni tanto il livello di carica della batteria del proprio sistema antifurto. Infatti può capitare che nei sistemi più antichi non ci siano particolari segnali che indichino l’esaurimento.

    Tutto questo comunque fa parte di una manutenzione che deve essere sempre condotta con regolarità, procedendo con una revisione almeno ogni sei mesi, affidandosi a personale specializzato.

  • Allarme per la porta d’ingresso: come funziona

    18 Maggio 2021 • AntifurtiNessun commento

    L’allarme per la porta d’ingresso è davvero molto importante. Infatti, se installi un allarme di questo genere, potrai usufruire di un maggiore grado di sicurezza per la tua casa. Bisogna vedere, quando scegli di proteggere la tua abitazione, quali sono i punti più vulnerabili. Fra questi punti sicuramente ci sono le aperture, come quelle rappresentate dalla porta e dalle finestre. Proprio per questo motivo è molto importante mantenere la funzionalità dell’allarme per la sicurezza domestica, in modo da riuscire a proteggersi in ogni situazione. Ma come funzionano i sensori per la porta di ingresso? Ti spieghiamo il meccanismo, in modo che tu possa essere consapevole di quanto essi possano essere significativi.

    Come funzionano i sensori dell’allarme della porta

    Per capire bene come funzionano i sensori per la porta d’ingresso, bisogna sapere che cos’è un circuito. Si tratta del percorso che di solito compie l’elettricità scorrendo. È un percorso continuo, perché di solito il circuito inizia in un punto e termina nello stesso punto.

    Quando il circuito è chiuso, la corrente elettrica continua a passare. Invece rimane bloccata se c’è un’interruzione. È proprio questo il meccanismo di funzionamento che sfruttano i sensori per le porte e le finestre. La sorgente, in un sistema con fili, è rappresentata dall’alimentazione elettrica. Nei sistemi senza fili la fonte è la batteria.

    Inoltre i sensori delle porte sono dotati di magneti. Quando la porta è chiusa i magneti sono in contatto e quindi l’elettricità può passare e arrivare a completare il circuito. Quando la porta è aperta i magneti non sono in contatto e quindi il circuito si rompe. Se il circuito è rotto, si attiva l’allarme, perché il sensore invia un segnale alla centralina.

    L’importanza della manutenzione per i sensori delle porte

    È molto importante rendersi conto di quanto sia essenziale la manutenzione per i sensori che installiamo nella porta di ingresso, per quanto riguarda la sicurezza domestica. Se non si provvede ad una corretta manutenzione nel tempo, i sensori finiscono col perdere la loro efficienza e non funzioneranno bene.

    L’usura può portare ad un consumo di alcuni elementi dei sensori. In presenza di danni, bisogna sempre intervenire con tempestività e sostituire il sensore. Infatti, finché i sensori non funzionano, la tua porta costituisce un punto di vulnerabilità nella sicurezza della tua abitazione.

  • Come entrano i ladri in casa?

    08 Maggio 2021 • AntifurtiNessun commento

    Come entrano i ladri in casa? Per molte persone ritrovarsi i malintenzionati nella propria abitazione vuol dire affrontare un incubo. Spesso si hanno molte paure legate a tutto ciò. Infatti i ladri arrivano di notte oppure alcuni temono che i furti siano concentrati soprattutto mentre si è fuori casa, in particolari momenti della giornata oppure in certi periodi dell’anno, come l’estate. Ma non è soltanto una questione di perdere oggetti di valore. È anche il fatto di dover affrontare la violazione del luogo in cui dovremmo sentirci protetti. I pericoli esterni sono davvero molti. Che cosa possiamo fare per riuscire a rimediare a tutto ciò e prevenire i furti in casa?

    Come prevenire i furti in casa

    Innanzitutto, per sapere come difenderci opportunamente dai furti in casa, dobbiamo riuscire a comprendere da dove i malintenzionati possono entrare nelle nostre abitazioni.

    Spesso capita che i ladri si introducano a casa nostra proprio a causa della nostra disattenzione. Dovremmo sempre ricordarci di chiudere bene le porte e le finestre. Eppure può capitare che per distrazione non chiudiamo bene la porta o lasciamo aperta una finestra.

    A volte può capitare anche che li facciamo entrare, perché ci sono dei truffatori che si presentano come operatori dell’azienda dell’energia elettrica o del gas. Dobbiamo fare sempre molta attenzione e magari possiamo dotarci di un antifurto per riuscire ad evitare che i ladri si introducano in casa nostra alla ricerca di denaro e di oggetti di valore.

    L’impianto di videosorveglianza è in grado di proteggere la nostra abitazione dai malintenzionati, specialmente facendo da deterrente nei confronti di chi vuole rubare.

    Consigli per prevenire i furti in casa

    Ecco adesso alcuni consigli che possono risultare molto utili per prevenire i furti in casa. Sarebbe una buona abitudine non scrivere mai sul portachiavi il nostro nome e l’indirizzo. Infatti questi dati potrebbero finire nelle mani di altri, se dimentichiamo le chiavi da qualche parte.

    Chiudiamo bene le porte e le finestre ogni volta che usciamo di casa, anche se la nostra assenza sarà breve. Se non aspettiamo nessun operaio, come idraulico, elettricista o antennista e suonano al citofono in un condominio, dobbiamo essere diffidenti e non aprire.

    Quando siamo in vacanza svuotiamo sempre la cassetta della posta per non dare l’idea della nostra assenza.

  • Come scegliere il migliore l'impianto di allarme, antifurto casa: consiglio dal vostro blog, forum

    02 febbraio 2014 • Antifurti, Installazione antifurto0 Commenti

    proteggi_casaSalve,
    sto valutando su vari forum i prezzi degli antifurto casa sia senza fili che con i fili, cioè filare. Sto cercando un kit allarme preferibilmente senza fili e sinora i blog mi sono stati molto utili.


    Cercando fra opinioni, recensioni, suggerimenti, varie guide, ho visto che i prezzi sono molto variabili e voglio un consiglio su un impianto anti intrusione sia per casa che per l'ufficio.


    Quindi come faccio ad installare un buon impianto di allarme senza fili? quale è il miglior antifurto casa?


    Meglio gsm, pstn, collegato alla linea fissa, con APP, con sms o senza, via smartphone? lo collego ai carabinieri? usufruisco della detrazione statale sugli impianti antifurti? Quali sensori mettere? e che sirena scelgo?


    Ho già chiesto vari preventivi, ho confrontato prezzi ed offerte, insomma come scegliere un buon antifurto casa?


    Alla fine mi sono orientato per il fai da te cosi' risparmio e ho la massima tranquillità e qualità.


    Per la protezione casa vorrei progettare un antifurto senza fili, ho visto anche dei video su youtube. Quindi vi chiedo qualche consiglio per allarmi per casa e impianti di videosorveglianza per la mia villetta a schiera.


    Consigli?


    Grazie




    Salve,
    benvenuto sul nostro blog che è anche un forum e consente di lasciare commenti, richiedere informazioni ed aiuto sui sistema antintrusione, gli allarmi e gli antifurti per casa sia senza fili ma anche via filo.

    Molti ci chiedono quale sia il miglior sistema di allarme. Ma ovviamente dipende dalla situazione di ciascuno di noi.


    Progettare un impianto antifurto senza fili è semplice e poi farlo da solo.

    Se vuoi, mandaci una piantina della tua casa e ti invieremo qualche consiglio


    A presto



Inviaci una domanda Scopri la nostra offerta