Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

installatore


  • Problemi con l’installatore dell’antifurto

    22 Settembre 2019 • Installazione antifurtoNessun commento

    Buon pomeriggio,

    mi chiamo Valentina e sono di Torino, prima di spiegarti cosa mi è successo ci tengo a farti i complimenti per il tuo blog, sempre aggiornato e stimolante! Ho deciso di scriverti perché ho un serio problema con l’installatore che non molto tempo fa si è occupato dell’installazione di un sistema di antifurto filare all’interno della mia abitazione. Ti spiego nel dettaglio, in realtà questa persona è ad oggi totalmente irreperibile, ho provato a contattarlo più e più volte tramite il numero che lui stesso mi aveva dato ma niente, non riesco più a trovarlo in nessun modo… Capisci bene la mia ansia e la mia preoccupazione al riguardo, in quanto lui è in possesso di informazioni e dati sensibili che riguardano non solo il mio appartamento ma anche l’impianto di antifurto! Secondo te cosa posso fare? Come devo muovermi per risolvere questa situazione ed essere sicura che dati e codici siano al sicuro? Grazie mille per l’attenzione e per il tempo che vorrai dedicarmi, spero tu possa darmi una mano per fare luce su tutta questa faccenda perché sta diventando un pensiero fisso per me e la mia famiglia.

    Un saluto

    Valentina da Torino

    Buon pomeriggio Valentina,

    ti ringrazio per i bei complimenti sul blog! Mi rendo conto che non riuscire più a mettersi in contatto con il proprio installatore può destare qualche dubbio e far pensare al peggio, ma parto subito dicendoti che forse questo installatore ha le sue buone motivazioni per non risponderti. Te lo dico perché magari non fa più quel mestiere, o ancora può aver chiuso la sua attività ed eventualmente può aver provveduto anche a distruggere la documentazione riguardante le installazioni che ha effettuato nel corso della sua attività (come si fa di solito). Certamente, se non succede nulla al tuo sistema di antifurto, all’installatore non gli si può imputare alcun tipo di responsabilità.

    Inoltre ti dico che non dovresti neanche angosciarti più di tanto riguardo i dati sensibili in suo possesso, poiché tecnicamente dovrebbe avere solo un codice di manutenzione, che in tutti i casi è diverso dal tuo (quest’ultimo si usa solo nelle operazioni tecniche), mentre non dovrebbe essere in possesso dei codici di inserimento e di disinserimento del sistema di antifurto, cosa che invece a te interessa in quanto proprietaria della casa e dell’impianto. Pertanto, secondo il mio parere, non dovresti fare niente e dormire sonni tranquilli.

    Soltanto nel caso in cui tu subisca un furto e il sistema di allarme risulti spento, potrai sporgere una denuncia alle forze dell’ordine, indicando con quale codice è stato disattivato il tuo impianto di antifurto. Se invece dovessi avere bisogno di effettuare interventi di manutenzione, a quel punto dovresti risalire alla ditta costruttrice, per poi contattarla e chiedere di indicarti altri installatori o manutentori vicini al tuo domicilio. Spero di essere stato chiaro e soprattutto di aiuto, ti ripeto che non c’è nessun motivo per essere preoccupata, stai serena e per qualsiasi altra domanda o informazione sono qui a disposizione! Un saluto

    Problemi con l’installatore dell’antifurto
    4 su 6 voti

  • Impianto antifurto – Posso cambiare installatore?

    02 Aprile 2014 • Antifurti, Richieste assistenza1 Commento

    sostituzioneBuongiorno,

    sono completamente insoddisfatto del mio installatore! Sono costretto a stare sempre ai suoi tempi, biblici tra l’altro; ha la chiave di accesso e di manovra della mia centralina, alla quale si connette da casa mia oppure da remoto, non ho consocenza di procedure e password del mio impianto. Mi sento tagliato fuori, ma soprattutto non al sicuro. Voglio cambiare installatore, ma come devo comportarmi?

    Aiuto!

    Davide

     

    Ciao Davide,

    non è bella sensazione quella che mi hai descritto e capisco tutta la tua apprensione.

    Ovviamente, l’unica cosa che puoi fare è, come dici, sostituirlo; cerca qualcun’altro che ti dia maggiore fiducia, magari autorizzato a lavorare con la marca di impianto che hai, giusto per essere più sicuri.

    Poi se vuoi c’è sempre l’alternativa di diventare l’installatore di te stesso e provvedere da solo a montare il tuo sistema d’allarme. Troverai siti online che ti venderanno tutto il materiale con i manuali in italiano. E’ semplice e veloce.

    Impianto antifurto – Posso cambiare installatore?
    4.5 su 2 voti

  • Come faccio a certificarmi come installatore di sistemi antifurto?

    CertificazioneBuonasera,
    sono un installatore e sto pensando di specializzarmi, in modo da affrontare questo lavoro con maggiore professionalità. Mi piacerebbe installare prodotti professionali avendo tutte le carte in regola dal punto di vista legislativo.
    Sai indicarmi strutture dove si tengono corsi (teorici e pratici) che mi permettano di ottenere le certificazioni necessarie per installare impianti?
    Grazie
    Gianluca

    Salve Gianluca,
    rispondendo alla tua domanda, so di fare cosa gradita anche a molti altri che, come te, vogliono crescere professionalmente e qualificarsi.
    Attualmente in Italia, un installatore di sicurezza è un elettricista certificato, magari con una specializzazione conquistata sul campo ed eventualmente certificata dall’IMQ.
    Questo perché purtroppo in Italia, sono carenti corsi professionalizzanti, a differenza di altri paesi europei dove è facile frequentare un corso e ottenere le certificazioni necessarie per poter svolgere il lavoro di installatore. In Italia non esiste neanche un albo professionale, non esistono certificazioni professionali riconosciute, se non quelle “private”, come lo è l’IMQ.

    Si tratta di una grave carenza e i risultati si vedono…personale non qualificato, clienti scontenti, ecc.

    Qualcosa è stato fatto dall’ANCISS – www.anciss.it – l’associazione di categoria degli installatori e costruttori di sistemi di sicurezza che regolarmente organizza sul territorio nazionale corsi per installatori. C’è poi l’IMQ, ma in questo caso la situazione è più complessa dato che l’ente certifica aziende che operano già nel settore.
    Possono esserti d’aiuto alcune riviste specializzate, punto di riferimento per molti operatori, ne cito alcune: EsseCome, edita da EDIS, e Antifurto, edita da Epc.

    Speriamo che in futuro la situazione cambi, grazie anche a qualche normativa comunitaria.

    Come faccio a certificarmi come installatore di sistemi antifurto?
    4.07 su 6 voti