Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Richieste assistenza


  • Richiesta consulenza e preventivo

    Quando si decide di installare un allarme o un sistema di videosorveglianza può capitare che il cliente non sia deciso. Può anche succedere che semplicemente non conosca i dettagli dei vari sistemi, e quindi che debba consultarsi.
    Per questo motivo esistono le consulenze e i preventivi.

    Quando ci si reca in un’azienda che vende prodotti per la videosorveglianza, la parte più importante è la consulenza.
    Il cliente viene accolto da consulenti specializzati che devono capire quale sistema di sicurezza sia il migliore per lui.
    Dal canto suo, il cliente non deve avere paura di mostrare tutti i dettagli della sua casa e delle sue esigenze per farsi consigliare al meglio. È preferibile che il cliente sia da subito chiaro sul suo budget e sull’eventuale flessibilità che esso ha. Infatti, un consulente potrebbe recepire le informazioni e proporre un certo tipo di sistema di allarme per poi sentirselo rifiutare perché troppo costoso. È importante, invece, che il consulente abbia tutte le informazioni in mano per poter valutare quale offerta proporre.
    Se è possibile, è auspicabile anche un sopralluogo di persona. Magari vedendo la casa, il consulente si rende conto che avrebbe bisogno di un determinato tipo di sistema di allarme piuttosto che di un altro. Il sopralluogo a casa aiuta anche il consulente a consigliare eventualmente delle telecamere di videosorveglianza. Nelle ville molto isolate o nelle case con molti angoli bui, la videosorveglianza è essenziale per coprire tutto lo spazio e assicurarsi da eventuali intrusioni.
    La consulenza deve ovviamente essere supportata da materiale visivo. È importante far vedere al cliente come si presentano i vari sistemi di allarme e quanto sono visibili dall’esterno. Molte persone, infatti, non vogliono che l’allarme si veda.

    Dopo la fase di consulenza è importante quella di preventivo. Il preventivo deve essere studiato su misura per adattarsi al cliente.
    Innanzitutto, esso deve rispettare il budget fissato dal cliente. Se il cliente ha dato flessibilità si può pensare più in grande, ma bisogna comunque tenere fede alle sue indicazioni.
    Un preventivo, per essere convincente, deve inoltre essere chiaro. Ogni voce di spesa dev’essere presentata in modo onesto e trasparente, in modo che non ci siano fraintendimenti. Bisogna anche dichiarare il rincaro prodotto dall’Iva, in modo tale che il cliente si renda conto di quanta parte di quello che spende va a finire in tasse.
    Infine, quando si offre al cliente un preventivo si possono anche proporre delle soluzioni alternative di pagamento. Ci sono i clienti che prediligono il pagamento immediato, tramite bonifico o assegno, oppure quelli che chiedono una rateizzazione. La fase di presentazione del preventivo serve anche a far accordare azienda e cliente in modo tale da favorire quest’ultimo nella modalità di pagamento ma anche da tutelare l’azienda da eventuali insolvenze.

    Richiesta consulenza e preventivo
    4.1 su 6 voti

  • Domotica e sicurezza antifurto

    Migliorare  la qualità della nostra esistenza, aumentando, contestualmente,   il livello di sicurezza  percepita, rappresentano due tra gli obiettivi principali che la “Domotica”, attraverso l’impiego delle più recenti tecnologie informatiche,  si  prefigge di realizzare.

     

    Solo qualche anno fa, infatti, sarebbe stato impensabile   controllare da remoto le principali funzionalità  della nostra casa e del nostro impianto di allarme attraverso l’utilizzo  di un computer, di un tablet o ancora meglio di uno smartphone.

     

    Oggi invece,  operazioni   come quella di avviare il condizionatore, i termosifoni, alzare le tapparelle, accendere le luci interne od esterne o, perché no,  accedere al proprio impianto di allarme, osservando ed ascoltando quanto succede in tempo reale all’interno della nostra casa, sono cose possibili  da realizzare che aiutano in maniera determinante ad accrescere il  livello di comfort  generale migliorando contestualmente   non solo  il livello di sicurezza percepita, ma anche la capacità di reazione individuale ad eventuali tentativi di effrazione.

     

    L’informatica, quindi, attraverso la gestione di  strumenti dedicati  ci aiuta a gestire al meglio la nostra casa con modalità di  impiego intuitive  e flessibili,   integrabili  con le centrali d’allarme  più evolute attualmente in commercio.

     

    Infatti, i più recenti impianti di allarme , come accennato, prevedono la possibilità di integrazione di appositi moduli  (ciascuno dei quali dedicato alle funzioni  domotiche desiderate)  particolarmente interessanti per affidabilità e costi.

     

    L’ultimo, non meno importante  aspetto  relativo all’impiego  della domotica che riteniamo di dover evidenziare,   è l’evidente miglioramento dei valori di mercato di immobili  cosi tecnologicamente predisposti.

     

     

     

     

     

     

     

     

    Domotica e sicurezza antifurto
    4 su 2 voti

  • Router e sistema antifurto possono convivere?

    Data Flow XXL Series

    Data Flow XXL Series

    Per motivi connessi alla mia sicurezza ed a quella della mia abitazione ho dovuto di recente installare un sistema di allarme antifurto in tutta la casa.

    La mia scelta, dopo aver a lungo consultato la rete è  ricaduta su un ottimo impianto d’allarme wireless che ho acquistato ed installato da solo senza particolari difficoltà.

    Ho un solo problema, il router adsl e la centrale d’allarme sono nella stessa stanza e,talvolta, ho l’impressione di non riuscire a navigare con velocità sufficiente.

    Secondo voi si creano interferenze che disturbano la qualità del segnale di rete?

    Livio.

     

     

    Ciao Livio,  normalmente  questo non accade in quanto i produttori di questo tipo di tecnologie sono molto attenti a posizionare le apparecchiature wireless da loro realizzate su frequenze diverse da quelle utilizzate dai router adsl  proprio al fine di  evitare questo tipo di problema.

    Io comincerei con il verificare (basta leggere le rispettive etichette)  su quali  frequenze i due apparecchi trasmetto, tanto per scongiurare  proprio questo tipo di problema.

    Se queste non coincidono, il problema della cattiva connessione internet  dipende solo  dal router.

    Prova a sentire il fornitore di servizi telefonici  per risolvere.

    Ciao.

     

    Router e sistema antifurto possono convivere?
    4.27 su 6 voti

  • Cosa si intende per “Difesa attiva”?

    casa isolataCiao, sono Carlo,  percorrendo la rete in lungo e in largo alla ricerca della maniera più efficace di proteggere la tranquillità della mia casa ma, soprattutto della mia famiglia, mi imbatto di frequente in  sistemi di “difesa attiva”, comprendendo in tale ambito ad esempio, nebbiogeni o diffusori di gas oc.

    Secondo la vostra pluriennale esperienza in materia di sicurezza sono sistemi validi?

    Grazie.

    Lello

     

    Caro Lello, dobbiamo fare una premessa che ritengo importante,I sistemi  di cui parli vengono sempre più spesso utilizzati per la tutela  di locali piuttosto che singole unità abitative a meno che queste non risultino particolarmente isolate e/o restino incustodite per lunghi periodi.

    Nello specifico,  i gas irritanti e i nebbiogeni,  sovente integrano  un impianto d’allarme completo, specie se ci troviamo di fronte ad un’unità da difendere  in posizione isolata e spesso senza alcun servizio di vigilanza .

    Normalmente si consiglia l’uso di questo tipo di dispositivi di dissuasione quando gli effetti di una sirena non potrebbero sortire il risultato atteso (qualcuno che  intervenga o possa contattare immediatamente le Forze dell’ordine).

    Sono comunque sistemi assai costosi che, comunque, in caso di falsi allarmi determinerebbero un ripristino gravoso in termini economici, senza considerare le difficoltà di installazione.

    Per quanto detto,  valuta bene prima di avventurarti  in questa direzione.

    Cosa si intende per “Difesa attiva”?
    4.47 su 9 voti

  • Prevenire l’intrusione proteggendo adeguatamente le aree esterne:

    maralSono anni che vi seguo con passione e, non vi nascondo di essermi avvalso sempre dei vostri validissimi consigli nella realizzazione dell’impianto di allarme a protezione della mia unica casetta.

    Vengo al cuore del problema, dopo anni ed anni di vita in città, io e mia moglie abbiamo acquistato un bellissimo casolare isolato in aperta campagna.

    Abbiamo provveduto sin da subito a dotare la nostra casa di un ottimo impianto di allarme, peraltro acquistato sul web che fino ad ora ci ha soddisfatto appieno.

    Lo abbiamo dotato di protezioni magnetiche su tutti gli accessi ed alcuni sensori volumetrici interni, nelle zone di transito.

    Ci viene un dubbio….e per proteggere l’area esterna?

    Cioè, se volessimo prevenire il tentativo di intrusione prima che questo si verifichi?

    Abbiamo pensato a delle barriere ad infrarossi ma amando gli animali, ne abbiamo diversi che girano per casa ed all’esterno.

    Cosa mi consigliate?

    Grazie

    Libero.

     

    Ciao Libero, sono contento della tua attenzione che ci riempie di vera soddisfazione dal punto di vista professionale.

    Ho pensato e ripensato ad una soluzione definitiva alla tua richiesta di sicurezza attraverso la protezione antintrusione delle aree esterne alla tua casa.

    Scelta molto intelligente che permette di prevenire i danni in molte circostanze.

    Il consiglio che ho deciso di darti è articolato, nel senso che, considerata la presenza di animali domestici, dovresti orientarti su barriere ad infrarossi un pochino più complesse dal costo elevato.

    Per iniziare potresti orientare la tua scelta su un buon impianto di videosorveglianza attraverso telecamere esterne. Non credi?

    Riscrivimi pure se hai ancora bisogno di noi.

     

    Prevenire l’intrusione proteggendo adeguatamente le aree esterne:
    4.43 su 7 voti