Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

sistema


  • Gli animali domestici e il sistema d’antifurto vanno d’accordo?

    24 Agosto 2019 • Senza categoriaNessun commento

    Vuoi acquistare ed installare un impianto di antifurto per la tua abitazione ma non sai in che modo gestire la presenza degli amici a quattro zampe? Per rispondere a questa domanda di seguito troverete consigli e suggerimenti sulle preoccupazioni legate agli animali domestici ed al fenomeno dei falsi allarmi. Uno dei dubbi di chi possiede animali in casa riguarda la compatibilità o meno con il sistema d’allarme, poiché si teme di dover avere a che fare con i falsi allarmi causati dal movimento degli animali stessi. Dunque bisogna scegliere tra il nostro peloso e la messa in sicurezza della casa installando un sistema d’antifurto? La risposta è no, possiamo avere entrambe le cose seguendo due strade principali: confinare l’animale in una stanza priva di sensori volumetrici, per esempio una camera in cui la finestra non è accessibile dall’esterno, oppure sfruttare i sensori Pet Immune. Vediamo in cosa consistono le due situazioni:

    1) Quando si tratta di animali di taglia piccola (quindi fino ai 30 chili), possiamo realizzare un ambiente a loro dedicato: quest’ultimo può essere posto sotto sorveglianza grazie all’installazione dei contatti magnetici (sensori d’apertura da montare sugli infissi) senza installare i sensori di movimento volumetrici. In tal modo l’animale potrà spostarsi liberamente nella stanza senza far scattare falsi allarmi. Questa soluzione è fattibile quando nell’appartamento c’è un locale in cui è impossibile l’accesso dal giardino o dalla strada. Se non esiste in casa una predisposizione di questo tipo, si può tentare di riproporla magari se si possiede una camera priva di oggetti valori, che a sua volta comunica con un corridoio che possiamo proteggere con il sensore volumetrico: in questo modo si potrà dedicare questa camera all’animale, dotando comunque la finestra della stanza dei contatti magnetici.

    2) Se anche questa soluzione non risulta concretizzabile, si dovrà ricorrere ai sensori denominati “PET Immune”: come si evince dal nome, si tratta di piccoli dispositivi immuni agli animali domestici, ciò vuol dire che grazie ad una specifica taratura, sono in grado di capire la differenza tra il corpo di un animale di piccola taglia rispetto a quello più massiccio di un essere umano. Questo tipo di tecnologia fa sì che i sensori riescano a misurare i movimenti di un corpo grazie a dei parametri che riguardano la dimensione e la massa corporea. Per fare un esempio concreto: se un cane entro i 30 kg transita nell’area controllata, il sensore non rileverà una situazione d’allarme, poiché la massa corporea dell’animale viene ben distinta da quella di una persona, evitando così segnalazioni inutili.

    Per quanto riguarda il posizionamento dei sensori PET immune, il proprietario della casa può decidere di dotare tutte le stanze dei sensori se dotare tutta l’abitazione di sensori PET immune, oppure destinarli solo a determinati ambienti, ovvero quelli in cui si muovono gli animali, così da evitare di comprare un numero mirato di sensori. Dunque non esistono reali impedimenti alla convivenza in casa tra gli animali domestici e un impianto di antifurto, basterà fare attenzione a realizzare una corretta installazione ed il gioco è fatto!

    Gli animali domestici e il sistema d’antifurto vanno d’accordo?
    4.4 su 4 voti

  • Qualità di un sistema d’antifurto: quale è il migliore per la casa?

    18 Agosto 2019 • AntifurtiNessun commento

    Per capire se un impianto d’antifurto è di buona qualità bisogna valutare le sue specifiche prestazioni. Nell’ambito dell’applicazione domestica, fattori imprescindibili sono senza dubbio la facilità d’uso e l’affidabilità. Generalmente non si dà il giusto peso a tali caratteristiche, e ci si ritrova nel tempo ad avere difficoltà nel capire cosa sia avvenuto subito dopo un allarme. Pertanto un buon impianto, per dirla in poche parole, è quello che suona se c’è una reale intrusione, che segnala tempestivamente se si verifica un problema o un’irregolarità e che, al di là di una regolare manutenzione, non richiede altri tipi di interventi. Fatta questa importante premessa, vediamo insieme quali sono le caratteristiche dei vari dispositivi che costituiscono un sistema d’allarme per uso domestico.

    La centrale: rappresenta il cuore del sistema, senza la quale non può funzionare, in quanto gestisce e collega tutti i dispositivi e i sensori presenti sia dentro che fuori la casa. Il prezzo di una centrale varia a seconda al marchio, delle numero di zone che controlla del tipo di tecnologia che impiega, che può essere via radio (wireless) o via cavo (filare).

    I sensori: hanno un ruolo indispensabile in quanto captano la presenza di ospiti indesiderati per poi comunicarla in tempo reale alla centrale d’allarme. Questi prodotti possono sfruttare la tecnologia a infrarossi, a microonde o entrambe contemporaneamente per garantire maggior sicurezza (il loro costo varia in base al tipo di tecnologia che sfruttano). I sensori per esterno hanno un costo più alto per via della loro struttura resistente agli agenti atmosferici.

    I contatti magnetici: molto economici, risultano ideali per individuare la violazione e l’apertura di porte e finestre; il contatto è composto dal magnete e dal Reed, da installare rispettivamente sulla parte fissa e su quella mobile del serramento: quando si verifica l’apertura non voluta, ossia quando le due parti vengono separate ed allontanate, trasmettono una segnalazione alla centrale che fa partire l’allarme.

    La sirena: è voce dell’impianto d’antifurto, in quanto è grazie ad essa che i passanti, i vicini di casa e le forze dell’ordine vengono avvisati della situazione di pericolo. Le sirene possono costare da 50 a centinaia di euro in base ai requisiti ed alla tecnologia impiegata.

    Il combinatore telefonico: è utile per avvisare via telefono il proprietario dell’abitazione in caso di allarme, e può funzionare tramite la tradizionale linea telefonica o una sim GSM (in commercio diversi combinatori telefonici si possono trovare già integrati alla centrale d’allarme).

    Le barriere perimetrali: si tratta di protezioni a infrarossi, a microonde, a pressione o a fibra ottica, utili per l’identificazione di eventuali ladri e movimenti in zone circoscritte, soprattutto all’esterno.

    I sistemi di attivazione e di disattivazione: parliamo delle chiavi elettroniche, dei telecomandi e delle tastiere; se ne trovano di diverse tipologie ed uno stesso sistema può supportarne diversi.

    La videosorveglianza: sistema che si aggiunge ad un impianto d’allarme classico quando le esigenze di sicurezza sono alte. Il costo di un impianto di videosorveglianza va dai 1000 ai 2000 euro, ma è possibile risparmiare con i kit fai da te pronti all’uso.

    Qualità di un sistema d’antifurto: quale è il migliore per la casa?
    4.8 su 6 voti

  • Sistema d’antifurto per villa privata

    30 Luglio 2019 • AntifurtiNessun commento

    Salve,

    Possiedo una villa privata e mi piacerebbe proteggerla al meglio installando un buon sistema di antifurto con barriere esterne che sfruttano la tecnologia a raggi infrarossi. Fatta questa premessa, il mio quesito è il seguente: effettuare l’installazione dell’impianto in tale contesto può risultare problematico considerando che il terreno presente, in determinate zone, non è pianeggiante ma anzi presenta delle pendenze?

    Inoltre vorrei montare dei sensori perimetrali in corrispondenza di tre porte blindate, tre porte basculanti e otto finestre; tutti questi serramenti sono collocati fra il pian terreno e il piano seminterrato. Con un impianto di questo tipo, vi è secondo te la necessità di proteggere anche i piani alti o risulterebbe solo un inutile uno spreco di soldi e di tempo? L’ultimo quesito riguarda la sirena di antifurto, secondo te è meglio installare un apparecchio con funzioni vere e proprie oppure può bastare una falsa sirena da sfruttare unicamente come deterrente contro i ladri e i malintenzionati?

    Grazie per l’attenzione

    Andrea

    Salve Andrea,

    per quanto riguarda la prima domanda sulla pendenza del terreno circostante in alcune zone, ti dico senza problemi che non rappresenta una criticità rilevante, anche perché, per fortuna, oggigiorno in commercio si possono acquistare delle barriere che usano uno specifico puntamento ottico laser che semplifica di molto l’installazione.

    In merito alla seconda domanda, dopo averti premesso che non è mai una buona idea lasciare le aperture dell’abitazione prive di qualche sistema di difesa, nel tuo specifico caso credo che per salvaguardare i piani alti possano bastare dei sensori volumetrici da montare nella parte interna o ancora dei contatti magnetici da installare sui serramenti, ovvero sulle porte, sulle finestre e sulle porte-finestre presenti nell’edificio.

    Inoltre, per ciò che concerne la scelta dei sensori da montare al primo piano, quest’ultima deve dipendere soprattutto da quanto il piano stesso risulta in qualche modo esposto, ossia bisogna prendere in considerazione se ad esempio vi si accede tramite una semplice scala, oppure se c’è la possibilità di arrampicarsi da un muro adiacente oppure da una grondaia, o ancora se sei interessato a proteggere te e i tuoi cari anche nelle ore notturne mentre ti trovi all’interno della villa.

    Per il discorso della sirena, ovviamente lo scopo primario di questo apparecchio è quello di compromettere la serenità dei ladri e quindi di distruggere ogni intento di chi cerca di introdursi e fare razzie, senza contare l’altra funzione fondamentale, ovvero allertare tempestivamente i vicini di casa, gli eventuali passanti e le forze dell’ordine. Per questi motivi, è sempre meglio dotarsi di una sirena di allarme con vera segnalazione acustica e visiva in grado di coprire tutta l’area circostante rispetto ad una finta con mera funzione deterrente, al massimo puoi usare un allarme di tipo silenzioso, ma in questo caso devi essere assolutamente certo di un intervento rapido da parte delle forze dell’ordine oppure in alternativa degli uomini della vigilanza privata, poiché senza la funzione sonora della sirena si rischia di inficiare la protezione e quindi di compromettere qualsiasi intervento rapido e soprattutto risolutivo.

    Sistema d’antifurto per villa privata
    4.2 su 2 voti

  • Dispositivi fondamentali in un sistema d’allarme

    30 Marzo 2019 • AntifurtiNessun commento

    Grazie al progresso delle tecnologie ed alla diffusione di internet, si è alzata notevolmente la qualità vita delle persone, e con essa anche la funzionalità degli impianti d’allarme, utilissimi per far sentire gli utenti più sicuri nelle proprie abitazioni e meno impotenti nei confronti della micro e macro criminalità. Attualmente i sistemi di allarme sono davvero alla portata dei più: se fino ad un passato non troppo remoto gli impianti di sicurezza presenti in commercio erano inaccessibili a molti da un punto di vista economico e complicati da installare, oggigiorno gli allarmi per la casa risultano ben equilibrati dal punto di vista del rapporto qualità prezzo. In questo contesto, però, prima di procedere all’acquisto bisogna fare molta attenzione, in quanto gli impianti di allarme vanno scelti a seconda delle specifiche necessità di ciascuno ed installati successivamente ad uno studio approfondito dell’edificio, altrimenti l’abitazione risulterà comunque esposta e il sistema totalmente inservibile.

    Sul mercato dei prodotti per la sicurezza si possono trovare sistemi di allarme via filo o via radio, ma al di là di questa suddivisione i dispositivi più importanti che li compongono sono tre: la centrale, i sensori e la sirena. Molti altri elementi come le telecamere e il combinatore telefonico sono accessori che si possono integrare all’impianto anche successivamente nel corso del tempo.

    Centrale: tale dispositivo è il cuore di tutto il sistema, l’installazione si può effettuare nelle vicinanze della porta principale (si attiva e disattiva agevolmente), o in punti nascosti (meno comodi per attivarla o disattivarla ma più sicuri in quanto meno raggiungibili dai ladri). Alla centrale sono collegati tutti gli altri elementi che costituiscono il sistema d’allarme; possiede una importante funzione, ossia la parzializzazione, grazie alla quale si può suddividere l’edificio in più zone da sorvegliare (l’ideale quando si desidera essere protetti stando in casa, ad esempio di notte oppure lasciando aperte le finestre). Le centrali all’avanguardia si possono connettere ad Internet e gestire da remoto tramite Smartphone, Tablet e computer: per il proprietario sarà un gioco da ragazzi controllare la propria abitazione h 24 comodamente a distanza.

    Sensori: questi apparecchi rappresentano gli occhi del sistema, ad essi è assegnato il compito di controllo dell’abitazione. Esistono diversi tipi di sensori, che si differenziano tra loro per la tecnologia usata, per struttura e per le funzionalità che possiedono. I più diffusi sono i sensori a raggi infrarossi, utili per rilevare la variazione di temperatura che si riscontra nell’area monitorata. A buon mercato e efficaci, vengono proposti anche nella versione “Pet friendly”, utile per evitare i falsi allarmi causati dallo spostamento di animali domestici presenti nell’abitazione. Ugualmente utili ed economici sono i contatti magnetici da posizionare sugli infissi delle finestre e sui serramenti delle porte: questi apparecchi sono in grado di far scattare l’allarme quando vengono separati).

    Sirena: parliamo di un elemento determinante per il buon funzionamento di un sistema d’allarme, in quanto è il dispositivo che ha il ruolo di emettere un forte suono (circa 100 decibel) che permette di far allontanare i ladri ed allarmare i vicini, i passanti e le forze dell’ordine.

    Dispositivi fondamentali in un sistema d’allarme
    4.5 su 6 voti

  • Dispositivi base di un sistema d’antifurto

    14 Marzo 2019 • AntifurtiNessun commento

    Un impianto di allarme è costituito da un insieme di elementi collegati fra loro tramite dei cavi o delle onde radio; tali dispositivi comunicano in maniera diretta e costante con la centrale, ed hanno il ruolo di segnalare ad essa le eventuali anomalie o irregolarità che si verificano nell’ambiente posto sotto controllo. Attraverso questo articolo andremo a delineare gli elementi base di un sistema di antifurto, analizzando le caratteristiche e le funzionalità di ognuno, ovvero della centrale, dei sensori di allarme e della sirena di antifurto.

    Centrale di allarme: questo apparecchio si può definire come il vero e proprio cuore dell’intero impianto; l’installazione della centrale può essere effettuata in prossimità del portone di ingresso per poterla attivare e disattivare con più facilità, o ancora in zone nascoste e dislocate, meno comode per attivarla e disattivarla ma sicuramente molto più sicure in quanto fuori dalla portata di eventuali ladri e malviventi intenzionati a manometterla. Al di là della posizione, comunque, per un ladro non è proprio un gioco da ragazzi riuscire a disattivare una centrale, in quanto bisogna sapere il codice, o nel caso in cui si utilizzano dei telecomandi è necessario decifrarli e immettersi sulla stessa frequenza. Come specificato sopra, alla centrale di allarme sono allacciati tutti gli altri dispositivi che compongono il sistema di antifurto: i sensori, i contatti, le telecamere, il combinatore telefonico e così via. Le centrali possiedono inoltre una funzione fondamentale, ovvero la parzializzazione: è proprio grazie a quest’ultima che risulta possibile suddividere la casa in più zone da monitorare. Tale funzionalità è l’ideale in special modo quando si sceglie di essere protetti stando all’interno dell’abitazione, per esempio durante le ore notturne o nel momento in cui si decide di lasciare aperte le porte e le finestre. Le centrali più innovative hanno la possibilità di connettersi alla rete Internet, si possono gestire a distanza e comunicano con Smartphone, Tablet e pc. Grazie a ciò, per l’utente sarà possibile controllare la propria casa continuamente e facilmente anche da remoto.

    Sensori di allarme: questi dispositivi sono l’occhio vigile dell’impianto, ad essi è affidato il ruolo di controllo della casa. In commercio se ne possono trovare molti, i quali differiscono per il tipo di tecnologia che sfruttano e per le funzioni che possiedono. I più venduti sono i sensori ad infrarosso, capaci di captare la variazione di temperatura che si verifica all’interno della zona controllata. Molto economici e sicuramente efficienti, si possono trovare anche nella variante “Pet friendly”, volta ad evitare i falsi allarmi dovuti al movimento di animali d’affezione presenti in casa. Altrettanto facili e a buon mercato sono i contatti magnetici da applicare sugli infissi delle finestre e sui serramenti delle porte (fanno scattare l’allarme nel momento in cui vengono allontanati e quindi aperti).

    Sirena di antifurto: si tratta di un dispositivo decisivo per l’impianto di allarme, in quanto è l’elemento che emette un suono di 100 decibel, e consente di far scappare i malviventi ed allarmare vicini, passanti e forze dell’ordine (esistono modelli sia da interno che da esterno).

    Dispositivi base di un sistema d’antifurto
    4.3 su 2 voti