Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Sensori e falsi allarmi

• di Redazione • AntifurtiNessun commento

Il fenomeno dei falsi allarmi è quello che più preoccupa gli utenti in procinto di installare un impianto per la protezione della propria abitazione. Svegliarsi improvvisamente in piena notte per via del frastuono della sirena non è per niente divertente, sia per sé che per i vicini di casa. Dunque risulta chiaro come un sistema di antifurto che scatta di continuo quando non c’è una motivazione valida, è solo fonte di disagi oltre che del tutto inservibile. Pertanto è importante affidarsi sempre a professionisti, a tecnici specializzati e a prodotti realizzati con materiali di qualità. L’elemento che è più spesso responsabile dei falsi allarmi è il sensore, soprattutto quello per ambienti esterni. A differenza del sensore interno che lavora in un’area protetta, ovvero tra le mura di casa, i rilevatori per esterno hanno a che fare con gli agenti atmosferici: pioggia, nebbia, neve, grandine, sole e variazioni di temperatura sono tutte cause in grado di far scattare i falsi allarmi.

Il problema del passaggio di un animale domestico o di un uccello davanti al rilevatore è ormai superato, in quanto i sensori di ultima generazione possiedono tutti la funzione denominata “pet immune”, capace di riconoscere la differenza del calore termico generato da un quadrupede rispetto a quello di un uomo, e quindi di ignorare gli innocui movimenti degli animali.

Più complicato il discorso che riguarda le superfici che riflettono il sole o i sensori abbagliati dai fari di un’automobile; allo stesso modo potrebbero andare in “tilt” per via della nebbia o della neve. La funzione di anti-mascheramento di alcuni rilevatori, inoltre, potrebbe non essere tarata in maniera ottimale: conseguentemente dei banali movimenti di oggetti nell’aria verranno scambiati per un ladro. Per tale motivazione i sensori Pir si possono sostituire o integrare con i rilevatori a doppia o tripla tecnologia, in grado avvalersi anche delle microonde per il monitoraggio; se sussistono disturbi termici, i microwave operano meglio, se invece nell’area ci verificano interferenze con onde radio (per esempio ripetitori TV ecc.), quelli ad infrarossi lavorano meglio.

Anche la centrale può rappresentare una fonte di falsi allarmi: i rilevatori sono collegati alla centralina via cavo (sistema filare) o via radio (modalità wireless); nel secondo caso il segnale potrebbe essere male interpretato, soprattutto se più sensori vengono installati in serie. Le zone monitorate dalla centrale, nei prodotti più economici sono 4 o 8; potrebbe verificarsi l’esigenza di controllare più zone, in quel caso 2 o 3 rilevatori dovranno essere connessi fra loro e successivamente con la centrale. Tutto questo potrebbe appesantire la funzione della centrale, provocando falsi allarmi.

Un’ulteriore motivo legato ai falsi allarmi è la batteria: i rilevatori in grado di autoalimentarsi, ovvero quelli senza fili forniti di batteria interna, si scaricano di frequente. La durata della batteria è strettamente legata alla loro attività e generalmente, soprattutto i dispositivi più economici, non danno preavvisi al proprietario. Quindi, di conseguenza, la sirena e la segnalazione via telefono tramite combinatore telefonico, possono partire anche solo se la batteria di un sensore si è scaricata, generando così odiosi falsi allarmi.

Sensori e falsi allarmi
4.7 su 3 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *