Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

sensori magnetici


  • Sensori d’allarme bidirezionali

    bidirezionaleCiao,

    vado al dunque: volendo installare un sistema antifurto via filo, durante i lavori in casa ho fatto in modo che ci fosse predisposizione (voglio usare sensori infrorossi passivi). All’impianto mi piacerebbe aggiungere anche dei sensori magnetici del tipo wireless, più pratici da posizionare su porte e finestre. Ora però, so bene che i sensori wireless non si spengono mai e, anche quando il sistema di allarme è disattivato, loro continuano a comunicare il loro stato, mentre la centrale memorizza le informazioni, ma non notifica la variazione. Io cerco qualcosa di differente; ho letto che esistono sensori “bidirezionali”, ossia sensori con un a bordo un trasmettitore e una ricevente, pare siano sensori capaci di ascoltare i comandi provenienti dalla centrale…credo sia un ottimo modo per ridurre le emissioni di onde radio (è possibile impostare la frequenza con la quale i sensori devono comunicare con la centrale).

    Il mio problema sta nel fatto che gli unici sensori che ho trovato con questa tecnologia sono wireless e che non posso spegnerli, mai! Con questo intendo che non è possibile spegnere il trasmettitore, c’è in commercio qualcosa di più flessibile?

    Grazie

    Mattia

     

    Ciao Mattia,

    vorrei fare una precisazione su quello che dici a proposito dei sensori bidirezionali, la trasmissione è legata allo stato di allarme ed è immediata, mentre quello di cui tu parli è lo stato di vita del sensore, cioè la trasmissione che il sensore effettua per comunicare alla centrale che tutto è in regola. Su questi sistemi non c’è bisogno di questa funzione perché la centrale fa un check sui sensori quando lo ritiene opportuno, ma affinché avvenga c’è bisogno che i sensori abbiano un RX a bordo. Questi sensori, purtroppo, non abbassano di tanto l’emissione di onde, che in ogni caso non sono così dannose, mentre consumano parecchia batteria.

    Per quanto riguarda la domanda se esistano sistemi che spengano il TX, posso dirti che non credo ce ne siano: questi sensori trasmettono anche la manomissione e, spegnendo il TX e con impianto disattivo il sensore è facilmente manomittibile. In commercio potrebbero anche esserci sistemi che inibiscono l’invio dell’allarme a centrale non attiva, ma diciamo che questa funzionalità non genera grosse differenze, soprattutto a livello di consumo batteria.

     

    Sensori d’allarme bidirezionali
    4.11 su 9 voti

  • Proteggere le finestre da tetto

    finestre_tettoCiao,

    vivo in una villetta a schiera che si costituisce di tre piani, uno di questi è una mansarda abitabile. Voglio un sistema antifurto, ma la mia principale preoccupazione sono le finestre da tetto. Come proteggerle senza che si generino falsi allarmi? Dal tetto si può facilmente arrivare a tutta la casa!! Sensori magnetici e un paio di PIR nella stanza potrebbero andar bene?

    Ho dei sensori PIR, ma non mi soddisfano, nonostante ho settato la sensibilità al massimo e tolto il riconoscimento animali, si eludono facilmente e  non capisco se per colpa della tecnologia singola o meno. Meglio preferire una doppia tecnologia?

    Il sistema sarà cablato e ho progettato da me la centralina, di modo che sia adattabile a ogni esigenza. Il sistema è a tre zone, una per piano e su ogni piano i PIR e i contatti magnetici sono in serie. Il corrugato passa nelle tracce dei cavi elettrici, ma è separato da questi. Credi che debba usare un cavo schermato?

    Grazie per l’aiuto che mi darai.

    Ugo

     

    Buongiorno Ugo,

    purtroppo il tuo intervento non mi è del tutto chiaro, ma cercherò di rispondere. Eventualmente avessi frainteso, torna a scrivermi!

    Per quanto riguarda il PIR da esterno, non credo sia la soluzione più giusta per il tetto, ma in ogni caso escludere la funzione PET significa esporsi a numerosi falsi allarmi…siamo su un tetto e immagino che la presenza di volatili e/o gatti sia continua.

    Inoltre, utilizzare la doppia tecnologia andrebbe solo a peggiorare la situazione. Io consiglierei una barriera piuttosto che un sensore.

    La protezione delle finestre da tetto con contatti magnetici e l’installazione di alcuni volumetrici all’interno possono andar bene. Sull’infisso potresti anche posizionare sensori con lente a tenda, ma se preferisci sensori volumetrici nella stanza, no problem, il risultato è identico!

    Per i cavi, se come dici il tubo è diverso, ti basterà usare un cavo schermato semplice anti-fiamma che puoi usare anche in presenza di tratte lunghe.

    Saluti

    Proteggere le finestre da tetto
    4.47 su 9 voti

  • Come rendere sicuro l’appartamento

    perimetro_appartamentoPossiedo un appartamento di circa 140 mq all’ultimo piano di una palazzina in centro città. La casa è dotata di due balconi, uno sul fronte e l’altro sul retro, uno dei due coperto a veranda. Entrambi possono essere raggiunti dal tetto, in quanto su di me non c’è nessun altro appartamento, solo un lastrico solare.

    Vorrei proteggere la casa con sensori magnetici sulle 8 finestre e installare un sensore volumetrico all’interno, ma sono preoccupato per via dei gatti che circolano liberi per casa…

    Inoltre, ti chiedo dove è meglio posizionare la sirena esterna. Può il freddo dell’inverno compromettere l’efficienza del prodotto?

    Grazie mille

    Mauro

     

    Ciao Mauro,

    secondo me sarebbe meglio installare, oltre ai contatti magnetici, anche delle barrierine a stilo o dei sensori a tenda così da proteggere in maniera più accurata le finestre. Lo dico perché mi pare di capire che l’appartamento sia vulnerabile per via del lastrico solare. Questi sensori sono disponibili anche in versione PET, così i tuoi gatti non faranno scattare fastidiosi falsi allarmi.

    La sirena devi installarla all’esterno, non preoccuparti per le temperature, sono componenti testati per lavorare in condizioni rigide, ma fai in modo che sia abbastanza lontana da balconi o punti di appoggio, altrimenti potrebbe essere manomessa.

    Saluti

    Come rendere sicuro l’appartamento
    4.07 su 6 voti

  • Sensori megnetici e strani falsi allarmi

    28 Giugno 2014 • Antifurti, Sensori perimetrali1 Commento

    magnete-barraBuonasera,

    io ho un problema con i sensori magnetici wireless applicati sulle finestre. E’ da un paio di notti che due sensori collegati con la stessa frequenza si attivano facendo scattare l’allarme, ogni volta mi alzo e non trovo nulla di strano…Sai aiutarmi?

    Grazie

    Daria

    Ciao Daria,

    da come descrivi il fatto, credo si tratti di qualche interferenza, soprattutto perché dici che accade sempre allo stesso orario (di notte) e perché si ripetono.

    Non è semplice, ora, capire quale sia la causa dell’interferenza: prova a escludere per un paio di giorni quei sensori, togliendo la batteria. Se così facendo non si vericano, ma reinstallando la batteria tornano, allora ti consiglio di spostare il sensore o schermarlo dall’esterno.

    Fare questi tentativi non costa nulla, ma se il problema sussiste ti consiglio di chiamare un tecnico.

    Sensori megnetici e strani falsi allarmi
    4.6 su 7 voti

  • Sensori a filo filari

    25 Febbraio 2014 • Richieste assistenzaNessun commento

    Ho sostituito le finestre con altre a risparmio energetico. l’antifurto è a filo. Nelle precedenti finestre erano montati dei sensori magnetici del tipo “a sigaretta”. Purtroppo non riesco a trovare qualcosa che mi piaccia che si possa installare sulle finestre in PVC (fatte con profilo “aluplast”). Mi sono fatto dare una sezione dei profili e ho visto che è praticamente impossibile montare dei sensori che non si vedano, mentre nelle finestre precedenti i sensori a sigaretta erano inseriti nel telaio e non si vedevano assolutamente. L’unica possibilità che ho trovato è l’impiego di sensori fatti come quello classico da porta (due parallelepipedi da 5 cm x 1 x 1) ma molto più piatti, da installare nello spazio tra l’anta e il telaio. Però a finestra aperta si nota almeno quello superiore, e per far passare il cavo bisogna forare oltre ad alcune camere stagne anche un rinforzo metallico.
    Quello che non mi convince è che non esistano sensori magnetici fatti appositamente per questo profilo, che credo sia il più diffuso, e che siano invisibili.
    Esiste qualche soluzione di cui non sono al corrente?

    Franco

    Risposto in privato.

    La redazione

    Sensori a filo filari
    4.57 su 6 voti