Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Allarmi senza fili wireless

antifurto senza filiVoglio proteggere la mia villa a schiera con un allarme senza fili, ma sono confuso a riguardo. Vorrei 10 sensori senza fili da mettere sugli accessi che rilevino l’apertura, ma anche le vibrazioni. Poi ho bisogno di due paia di rilevatori esterni wireless capaci di intercettare i ladri prima che siano troppo vicini alla casa.

La centrale d’allarme senza fili deve essere espandibile, perché in futuro vorrei aggiungere sensori antiallagamento e antifumo. Per caso ce ne sono di programmabili e interrogabili via smartphone? La centrale deve avere anche un commutatore GSM e prevedere un antijammer e l’antirapina.

Tutto dovrebbe essere integrabile con delle telecamere interne e con un DVR predisposto per 8 ingressi per controllare i tre piani di casa.

Dimmi se può andar bene e se hai consigli su come migliorare il sistema.

Ti ringrazio e saluto

Gianluca

 

Ciao Gianluca,

andiamo con ordine. I contatti magnetici d’apertura e quelli di vibrazione sono componenti semplici da reperire nella modalità wireless che tu richiedi ed anche poco costosi; sono dotati di tamper antimanomissione e l’unica accortezza che dovrai avere sarà in fase di installazione quando dovrai ricordarti di collegare due cavi dell’allarme e due del tamper.

Per l’esterno consiglierei barriere, barrierine a stilo o sensori a tenda. Devi valutare in base alle tue esigenze di sicurezza, ma soprattutto in base alle possibilità d’installazione. Ad esempio, le barriere sono indicate per la protezione di luoghi privi di ostacoli, penso alle terrazze; le barrierine sono perfette per proteggere singole finestre o porte finestre, soprattutto perché esteticamente gradevoli. I sensori a tenda, invece, sono più flessibili, ma si ha bisogno di più sensori per coprire un’intera facciata. In ogni caso, tutti permettono la parzializzazione quando sei in casa.

Per la centralina con l’allarme wireless, no problem! In commercio ce ne sono di grandi e con GSM integrato. L’anti rapina puoi ottenerla collegando un ingresso della centrale a un pulsante, un radio comando o qualsiasi altra cosa tu ritenga utile allo scopo.

Le centrali possono essere interrogate attraverso cellulari, ma dipende dalle applicazioni disponibili e quindi dalla ditta costruttrice.

Rispetto alle telecamere, credo che l’unica integrazione possibile sia l’uso di telecamere wireless allarmate che comunicano con la centrale. Per realizzare una cosa del genere, hai bisogno di telecamere con tecnologia motion-detection. Il consiglio è di usare modelli day+night per ovviare alla mancanza di luce che potrebbe causare problemi di rilevazione.

Auguri!

 

Share Button
Allarmi senza fili wireless
4.25 su 6 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Commenti all'articolo

  1. Luca ha detto:

    Ciao a tutti

    dove trovo il manuale dell’antifurto senza fili della xxx?

    grazie

  2. Mario ha detto:

    posso chiedere un preventivo a voi per un sistema di allame senza fili?

  3. Frank ha detto:

    Buongiorno, premesso che non molto preparato in materia, comunque vorrei installare un antifurto per proteggere i seguenti ambienti:
    sala hobby – per il finestrone vorrei mettere un sensore “da scasso” mentre sopra la porta di ingresso un sensore di movimento;
    garage Рvi ̬ una serranda basculante;
    appartamento al piano rialzato ma distante circa 20 mt dalla s. hobby e garage – qui vorrei installare sopra la porta di ingresso un sensore di movimento e un sensore da porta. Il tutto lo vorrei gestire con combinatore telefonico con avviso su cellulari.
    Posso avere cortesemente indicazioni su cosa acquistare e il prezzo? Grazie

  4. Mirco ha detto:

    Salve,
    dovrei installare un antifurto in un negozio. Mi serve allarmare con sensori una porta ingresso e due vasistas.Quindi mi interessa soprattutto che si attivi prima dell’intrusione e che comunichi a me e ai carabinieri.Grazie.

  5. Lino ha detto:

    buongiorno,
    posso ottenere la deduzione fiscale del 50% per un impianto “fai da te” ? In che modo ?

  6. Gianluca ha detto:

    Grazie mille per la risposta Mario, mi sei stato molto d’aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *