Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Installazione antifurto e detrazioni fiscali

• di Redazione • Fisco e leggiNessun commento

Da un decennio a questa parte il settore tecnologico ha fatto moltissimi passi in avanti, ed e proprio grazie all’evoluzione esponenziale della tecnica che anche i sistemi di sicurezza si stanno diffondendo notevolmente tra i cittadini che scelgono proteggere le abitazioni, gli uffici, i negozi, le aziende e le attività commerciali contro i tentativi di effrazione, i furti e gli atti vandalici. La spesa da sostenere per acquistare questo tipo di impianti si è abbassata considerevolmente rispetto agli anni passati, ed è proprio grazie a questa spinta favorevole che lo Stato dà la possibilità di fruire di detrazioni fiscali, agevolando così il mercato e gli utenti. La Legge di Stabilità, infatti, predispone delle detrazioni del 50 % nell’ambito delle ristrutturazioni edilizie, fra le quali rientrano anche l’acquisto di sistemi per la sicurezza (ad esempio gli impianti di antifurto e le telecamere per la videosorveglianza).

Il decreto legge numero 201 del 2011 prevede che è possibile detrarre le spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di antifurto per le abitazioni, gli uffici e i locali commerciali, per le opere di rafforzamento, sostituzione e montaggio di cancelli e recinzioni, per l’acquisto di porte blindate, di casseforti, di impianti di videosorveglianza, di grate per i serramenti, di tapparelle in metallo e di vetri anti-sfondamento (in questa lista non sono annoverabili, e quindi esclusi dalle detrazioni, i contratti effettuati con gli istituti di vigilanza). Vediamo ora chi può usufruire delle detrazioni fiscali: i proprietari delle abitazioni in cui viene installato il sistema di allarme; i locatari, gli usufruttuari; i soci delle società semplici; gli imprenditori individuali di immobili che non appartengono alla categoria dei beni strumentali; i familiari conviventi del proprietario dell’edificio.

Per quanto riguarda le detrazioni sull’Iva per l’acquisto e l’installazione di sistemi di allarme e antifurto, non c’è da prendere in considerazione soltanto la detraibilità del 50 % ma anche l’Iva agevolata al 10 invece del 21 % sul materiale comprato. Ad esempio, un sistema di antifurto costa 2000 euro, mentre l’installazione costa 500 euro: la spesa totale è di 2500 euro. L’utente può fruire dell’iva al 10 % soltanto sulla differenza tra il totale della spesa e del costo dei beni (ovvero 2500 meno 2000): pertanto l’iva al 10 % sarà applicata ai 500 euro, mentre sulla parte restante al 21 %.

Come vanno calcolate le detrazioni fiscali: se un cittadino spende in totale 10.000 euro per l’acquisto e l’installazione dell’impianto di allarme, vien da sé che il 50 % è di 5.000 euro. Le detrazioni fiscali saranno dello stesso identico importo spalmate su 10 anni, perciò ogni anno potrà detrarre dalla sua dichiarazione dei redditi ben 500 euro. Per usufruire di queste detrazioni fiscali bisogna seguire delle direttive specifiche: per prima cosa è indispensabile che chi effettua l’installazione fatturi qualsiasi tipo di spesa, e che i pagamenti non vengano mai effettuati in nero o in denaro contante, bensì con bonifici. In più, la dichiarazione dei redditi dovrà necessariamente contenere tutti i dati catastali che definiscono l’abitazione come oggetto dell’installazione di impianti di sicurezza. Ovviamente, tutti i dettagli e le informazioni sull’argomento sono riportati sul sito internet ufficiale dell’Agenzia delle Entrate nella sezione dedicata alle detrazioni fiscali.

Installazione antifurto e detrazioni fiscali
4.7 su 4 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *