Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Barriere


  • I sensori infrarosso originano i falsi allarmi?

    10 Dicembre 2019 • Richieste assistenzaNessun commento

    Buonasera,

    ti scrivo perché mi piacerebbe sapere in che modo rispondono i sensori a raggi infrarossi alla neve, alla nebbia e ad altre avversità simili di tipo atmosferico. Inoltre ti domando se in commercio si possono trovare delle tecnologie capaci di superare queste problematiche e se i sensori a microonde hanno lo stesso tipo di limitazioni riguardo l’eventuale manifestazione dei falsi allarmi.

    Grazie

    Lorenzo

     

    Buonasera Lorenzo,

    prima di dare risposta al tuo quesito sugli infrarossi ci tengo a precisare che esistono due tipi di sensori ad infrarosso: quelli ad infrarossi passivi sono i più diffusi, vengono installati per proteggere gli ambienti interni delle abitazioni per via della praticità della loro installazione, del buon rapporto qualità prezzo e dell’immunità alla manifestazione dei falsi allarmi; i sensori ad infrarossi attivi, invece, sfruttano l’interruzione del fascio di raggi infrarossi, per farti un esempio il principio alla base del loro funzionamento è somiglia molto a quello di una fotocellula. I rilevatori ad infrarosso passivo, quando vengono utilizzati in ambiente esterno, vanno applicati in prossimità di un muro oppure al di sotto una loggia al coperto, così da monitorare uno o più ingressi. Dunque per rispondere al tuo interrogativo, se non usati in modo improprio, questi sensori non dovrebbero risentire delle avversità atmosferiche, anche perché sono capaci di rilevare il gradiente termico; pertanto, per loro natura, risultano immuni agli sbalzi atmosferici e ai forti mutamenti climatici. Il discorso cambia nell’ambito dei rilevatori ad infrarossi attivi: questi ultimi, infatti, in caso di fitta nebbia, percepiscono il fascio di raggi interrotto, causando così i falsi allarmi. Al contrario non penso che la neve provochi la manifestazione dei falsi allarmi, poiché, per far sì che il fascio di raggi venga interrotto, occorre un’interruzione costante e sicuramente più lunga di quella che può generare la caduta e l’impatto con un fiocco di neve.

    Infine, per ciò che concerne la domanda sui sensori a microonde, devo dire che questi ultimi non sono molto indicati per l’ambiente esterno, poiché risultano estremamente sensibili per essere montati in un’area all’aperto in cui gli agenti atmosferici, le intemperie varie e gli animali domestici la fanno da padroni. Il mio suggerimento, quindi, è quello di optare per delle barriere a microonda: è vero che hanno un costo più alto, ma è anche vero che garantiscono un elevato grado di sicurezza nelle zone esterne; in alternativa molto valida anche la doppia tecnologia, che basa il funzionamento dei sensori sull’unione dei raggi infrarossi e delle microonde, rendendo ancor più limitata la manifestazione dei falsi allarmi. Con gli infrarossi si rileva la variazione di calore nell’area controllata: quando transita un corpo estraneo, il sensore capta una temperatura non registrata e trasmette il segnale d’allarme. Con le Microonde si verifica l’effetto Doppler: l’onda che si propaga dal sensore satura il locale controllato usando una certa quantità d’energia, se c’è un corpo in movimento, l’onda propagata necessita di un’energia diversa, per cui il sensore intercetta tale anomalia e trasmette il segnale d’allarme. I rilevatori a doppia tecnologia si attivano soltanto se entrambi i segnali si sono verificati.

    I sensori infrarosso originano i falsi allarmi?
    4.5 su 4 voti

  • Barrierine a stilo e barriere a infrarosso attivo

    17 Dicembre 2014 • Antifurti, Sensori perimetrali1 Commento

    barriere_stiloSalve,

    sono Simone e ho bisogno di sapere se quando si parla di barriere a infrarosso attivo e di barrierine a stilo, si sta parlando della stessa cosa. Io vorrei posizionarle tra la taparella e la finestra, ma in tal caso come verrebbero alimentate? Posso aggiungerle a un sistema d’allarme già finito e funzionante? C’è pericolo di falsi allarmi?

    Grazie

     

    Ciao Simone,

    le barriere a stilo sono barriere a infrarosso attivo, la loro forma è perfetta per l’installazione vicina all’infisso, perché stretti e sottili; puoi trovarli sia nella versione via filo che via radio.

    Le barriere a stilo via filo possono essere collegate a qualsiasi centrale, mentre per i prodotti via radio devi verificare la compatibilità, anche se è sempre possibile interfacciarla con una scheda esterna che trasforma il segnale di allarme in uno compatibile.

    Purtroppo nessun prodotto ti assicura un’esclusione totale dei falsi allarmi, molto dipende dall’ambiente in cui viene posizionato e da come è fatta l’installazione.

    Auguri!

    Barrierine a stilo e barriere a infrarosso attivo
    4.5 su 4 voti

  • Barriere a infrarosso attivo e affidabilità

    13 Agosto 2014 • Antifurti, Sensori perimetrali1 Commento

    barriereCiao,

    complimenti per il forum. La mia domanda riguarda le barriere ad infrarosso attivo via filo, vorrei sapere se possono essere messe fuori uso attraverso un jammer. Ti chiedo anche se le grate apribili, per resistere di più, devono avere delle chiusure particolari.

    Grazie

    Leonardo

     

    Buonasera Leonardo,

    non sei l’unico a pormi questo tipo di domanda! Ogni sensore, qualsiasi sia la tecnologia che sfrutta, può essere eluso, anche se non è facile come sembra.

    Per riuscirci è necessario conoscere molto bene il sensore, sapere come funziona e disporre di attrezzature costose per metterlo fuori uso.

    Questo in via generale, per quanto riguarda la tua domanda posso dirti che una barriera ad infrarosso attivo non può essere elusa con un jammer che lavora su frequenze normali, nel caso specifico servirebbe un jammer infrarosso, prodotto non comune e complicato da usare.

    Per le grate, purtroppo, non esistono serrature così sicure, qualunque chiusura può essere forzata, è solo una questione di bravura e strumenti di cui si dispone.

     

    Barriere a infrarosso attivo e affidabilità
    4.68 su 5 voti

  • Barriere antifurto troppo sensibili

    barriere a stiloCiao,

    la mia questione è questa: ho acquistato e installato barriere antifurto che ho dovuto presto disattivare per via della pioggia che causava numerosi falsi allarmi. Posso risolvere in qualche modo o la mia è stata una spesa inutile?

    Ti ringrazio

    Paolo

     

    Ciao Paolo,

    premetto che le protezioni perimetrali per l’esterno sono particolarmente soggette ai falsi allarmi. Le condizioni atmosferiche e l’alta perturbabilità dell’ambiente richiedono un’installazione più rigorosa.

    Innanzitutto, di che barriere si tratta? Comunque, prima di arrivare a delle conclusioni definitive e drastiche, ti suggerirei di collegare le barriere al solo pre-allarme e attivarle quando sei in casa, in questo modo avrai una segnalazione più discreta che potrà permetterti di circoscrivere il problema. Magari può trattarsi solo di un problema di installazione…fammi avere qualche dettaglio in più e ti aiuto volentieri!

    In ogni caso ricorda che barriere troppo sensibili installate all’esterno daranno sempre problemi, anche la nebbia potrebbe causarne, così come il vento forte, spesso si ovvia acquistando barriere a doppia/tripla tecnologia perché più immuni di quelle a tecnologia semplice.

    Barriere antifurto troppo sensibili
    4.35 su 4 voti

  • Barriere a stilo – Come installarle?

    barriere infrarossiCiao,

    sono Tito e ti pongo una questione tecnica. Sto realizzando la predisposizione per il sistema antifurto della mia futura casa e, avendo deciso di installare barriere a stilo accanto all’infisso, ti chiedo se è sufficiente stendere un solo tubo corrugato oppure serve predisporre anche un collegamento tra le due barrierine?

    Nel secondo caso, come devo fare?

    Ti ringrazio e saluto

    Tito

    Buonasera Tito,

    giusta la tua intuizione, entrambi gli elementi della coppia devono essere alimentati, ma è sufficiente un solo tubo in arrivo.

    Questi sensori da esterno si acquistano già forniti di cavo, quindi, sfruttando il cassonetto dell’avvolgibile, uno dei cavi passa da una parte all’altra della finestra per poi entrare nel corrugato per il collegamento in centrale.

    Spero di esserti stato d’aiuto, ciao!

     

    Barriere a stilo – Come installarle?
    5 su 1 voti