Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

I sensori infrarosso originano i falsi allarmi?

• di Redazione • Richieste assistenzaNessun commento

Buonasera,

ti scrivo perché mi piacerebbe sapere in che modo rispondono i sensori a raggi infrarossi alla neve, alla nebbia e ad altre avversità simili di tipo atmosferico. Inoltre ti domando se in commercio si possono trovare delle tecnologie capaci di superare queste problematiche e se i sensori a microonde hanno lo stesso tipo di limitazioni riguardo l’eventuale manifestazione dei falsi allarmi.

Grazie

Lorenzo

 

Buonasera Lorenzo,

prima di dare risposta al tuo quesito sugli infrarossi ci tengo a precisare che esistono due tipi di sensori ad infrarosso: quelli ad infrarossi passivi sono i più diffusi, vengono installati per proteggere gli ambienti interni delle abitazioni per via della praticità della loro installazione, del buon rapporto qualità prezzo e dell’immunità alla manifestazione dei falsi allarmi; i sensori ad infrarossi attivi, invece, sfruttano l’interruzione del fascio di raggi infrarossi, per farti un esempio il principio alla base del loro funzionamento è somiglia molto a quello di una fotocellula. I rilevatori ad infrarosso passivo, quando vengono utilizzati in ambiente esterno, vanno applicati in prossimità di un muro oppure al di sotto una loggia al coperto, così da monitorare uno o più ingressi. Dunque per rispondere al tuo interrogativo, se non usati in modo improprio, questi sensori non dovrebbero risentire delle avversità atmosferiche, anche perché sono capaci di rilevare il gradiente termico; pertanto, per loro natura, risultano immuni agli sbalzi atmosferici e ai forti mutamenti climatici. Il discorso cambia nell’ambito dei rilevatori ad infrarossi attivi: questi ultimi, infatti, in caso di fitta nebbia, percepiscono il fascio di raggi interrotto, causando così i falsi allarmi. Al contrario non penso che la neve provochi la manifestazione dei falsi allarmi, poiché, per far sì che il fascio di raggi venga interrotto, occorre un’interruzione costante e sicuramente più lunga di quella che può generare la caduta e l’impatto con un fiocco di neve.

Infine, per ciò che concerne la domanda sui sensori a microonde, devo dire che questi ultimi non sono molto indicati per l’ambiente esterno, poiché risultano estremamente sensibili per essere montati in un’area all’aperto in cui gli agenti atmosferici, le intemperie varie e gli animali domestici la fanno da padroni. Il mio suggerimento, quindi, è quello di optare per delle barriere a microonda: è vero che hanno un costo più alto, ma è anche vero che garantiscono un elevato grado di sicurezza nelle zone esterne; in alternativa molto valida anche la doppia tecnologia, che basa il funzionamento dei sensori sull’unione dei raggi infrarossi e delle microonde, rendendo ancor più limitata la manifestazione dei falsi allarmi. Con gli infrarossi si rileva la variazione di calore nell’area controllata: quando transita un corpo estraneo, il sensore capta una temperatura non registrata e trasmette il segnale d’allarme. Con le Microonde si verifica l’effetto Doppler: l’onda che si propaga dal sensore satura il locale controllato usando una certa quantità d’energia, se c’è un corpo in movimento, l’onda propagata necessita di un’energia diversa, per cui il sensore intercetta tale anomalia e trasmette il segnale d’allarme. I rilevatori a doppia tecnologia si attivano soltanto se entrambi i segnali si sono verificati.

I sensori infrarosso originano i falsi allarmi?
4.5 su 4 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *