Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Predisposizione


  • Zero predisposizione per i sensori perimetrali: come fare

    28 Febbraio 2020 • Sensori perimetraliNessun commento

    Buon pomeriggio,

    mi chiamo Antonio e proverò ad essere chiaro e conciso nell’esporti la mia situazione, spero tanto tu possa darmi una mano. Qualche anno fa ho comprato un appartamento situato al primo piano in un palazzo condominiale, i costruttori lo stavano terminando quando mi hanno domandato se fossi interessato alla predisposizione per una eventuale installazione di un impianto di antifurto; all’epoca non pensavo a questa eventualità, per cui ho lasciato correre e oggi mi ritrovo ad avere una predisposizione adatta ai soli radar. So di aver sbagliato, e soltanto ora mi rendo conto che sono indispensabili anche i rilevatori perimetrali, e la situazione è parecchio più complicata di quanto pensassi. A tal proposito ho chiesto diversi pareri: da un lato mi dicono che si potrebbero installare dei sensori con lente a tenda tra gli infissi interni e quelli esterni, ma che occorrono degli interventi di muratura (quindi la spesa lieviterebbe); dall’altro mi riferiscono che i sensori perimetrali non servono e che al massimo si potrebbero montare all’esterno dei rilevatori a raggi infrarossi paralleli al muro ad un centimetro di distanza (è vero che sono inutili?). Io, dal canto mio, opterei per dei sensori WI FI, ma come vedi la confusione regna sovrana…  Tu cosa mi suggerisci? Quali potrebbero essere i prodotti wireless più idonei per la protezione delle mie aperture?  Ti ringrazio tanto per l’attenzione e per le dritte che vorrai darmi, aspetto di sapere cosa ne pensi!

    Cordiali saluti

    Antonio

    Risposta:

    Buon pomeriggio Antonio,

    purtroppo mi dispiace dovertelo dire, ma come ribadisco sempre sul blog rivolgendomi a chi ne ha la possibilità come nel tuo caso, optare per la mancata predisposizione è un grande errore! Questo perché, scegliere di far predisporre qualche tubo in più durante il periodo di costruzione o in fase di ristrutturazione della casa, è sempre più facile ed economico che farlo in un secondo momento, poiché rimetterci le mani comporta un dispendio di tempo, di soldi e di energie non indifferente. Ad ogni modo, vista la tua situazione, ti suggerisco di usare dei sensori con lente a tenda wireless, quindi via radio senza fili, o in alternativa delle barriere a raggi infrarossi sempre senza fili.

    I rilevatori con lente a tenda risultano molto affidabili nonché difficilmente sabotabili, in particolar modo se collocati fra i due infissi; inoltre presentano il grosso vantaggio di prevenire gli eventuali tentativi di scasso, segnalando l’intrusione quando il malvivente si trova ancora al di fuori, quindi prima che riesca ad avvicinarsi e ad entrare in casa. Detto ciò, se sei comunque intenzionato a far fare i lavori e a far transitare tubi e fili, potresti usare dei sensori con lente a tenda filari, dei sensori magnetici che rilevano l’apertura del serramento oppure dei contatti per la protezione delle tapparelle, se queste ultime sono presenti (roller tapparella).

    Spero di averti aiutato a chiarire un po’ la situazione, queste sono le strade che secondo me puoi percorrere, sta a te ora optare per l’una o per l’altra! Fammi sapere come andrà, un saluto!

  • Sistema d’antifurto: meglio via cavo o via radio?

    08 Settembre 2019 • Installazione antifurtoNessun commento

    È meglio installare un impianto di antifurto via radio o uno via cavo? Questa è una di quelle domande che arriva subito nella mente di chi si appresta ad acquistare ed installare un sistema per la protezione della propria abitazione o attività commerciale. Il quesito che tanti utenti si rivolgono è uno dei più frequenti: per fare chiarezza sulla questione, prima di avvicinarsi al mondo degli impianti di antifurto, risulta fondamentale scegliere fra le due tipologie, la filare o la wireless, a seconda dei differenti criteri di valutazione, della disponibilità economica, delle proprie specifiche esigenze di sicurezza e soprattutto in base alle caratteristiche dell’edificio da porre sotto controllo: sostanzialmente sono le condizioni costruttive a far pendere l’ago della bilancia verso un impianto o verso l’altro.

    A determinare l’opzione tra l’una o l’altra tecnologia, vi è innanzitutto la presenza o meno della predisposizione: se l’abitazione è dotata di tale predisposizione, ovvero dei tubi e delle canaline per il passaggio e la messa in posa dei cavi, è preferibile optare per un impianto di antifurto via cavo, i cui elementi sono meno costosi, così come lo è la sua manutenzione. Stesso identico discorso vale per tutti quegli utenti che stanno costruendo o ristrutturando casa: predisporre canaline e fili non è troppo dispendioso o difficoltoso quando ci sono i lavori in corso, per cui meglio approfittare.

    Discorso totalmente diverso nel caso in cui non vi è alcuna possibilità di avere la predisposizione; in questo caso dovrebbero essere predisposti gli appositi spazi per il passaggio dei fili, ed in questo caso sia la manodopera che gli interventi di muratura da effettuare potrebbero gravare in maniera notevole sulla spesa e sui tempi di realizzazione. Pertanto un impianto di antifurto senza fili è la scelta più opportuna e conveniente, anche se al contempo presuppone costi dei componenti e di manutenzione più elevati rispetto ai sistemi via cavo (ad esempio le batterie dei sensori d’antifurto vanno sostituite ogni anno in media).

    Vediamo di seguito un elenco riassuntivo che mostra sia i vantaggi che gli svantaggi di entrambi gli impianti di antifurto:

    Antifurto via cavoVantaggi: è compatibile con i principali apparecchi e sensori attualmente in commercio; vi è un notevole risparmio nell’acquisto dei vari elementi rispetto a quelli wireless; non serve sostituire di frequente le batterie della centralina e della sirena, poiché la manutenzione risulta ad un basso livello. Svantaggi: la presenza dei fili può comportare il fatto di non poter installare i sensori esattamente nel luogo desiderato; come già specificato, è indispensabile la predisposizione al sistema filare.

    Antifurto via radio – Vantaggi: rapidità e semplicità nella fase di installazione; opportunità di installare i vari dispositivi nel punto esatto dell’abitazione che si desidera; per quanto riguarda l’aspetto puramente estetico, si evita la presenza di fili in giro per l’appartamento. Svantaggi: alti costi dei componenti; rispetto all’impianto filare, le spese da sostenere per la manutenzione risultano più alte a causa delle batterie da sostituire con più frequenza; non sempre è garantita la compatibilità con gli apparecchi di altre case produttrici.

  • Predisposizione antifurto corretta

    19 Luglio 2014 • Antifurti, Installazione antifurto1 Commento

    predisposizione_allarmeCiao,

    sto facendo fare la predisposizione per l’impianto antifurto in casa e ho notato che ogni apertura ha un cavo rosso che spunta di un mezzo metro da un angolo in basso. Io sapevo che i cavi dovessero stare in alto…sbaglio?

    Sonia

     

    Salve Sonia,

    non sbagli! La predisposizione per i contatti di apertura, in genere, viene fatta nella parte superiore del serramento, soprattutto per motivi estetici, ma è anche una questione pratica perché spesso si va a sfruttare la predisposizione di un serramento motorizzato.

    Non so dirti perché il tuo impiantista abbia trovato questa soluzione, ti consiglio di chiedere direttamente a lui!

    Tieni aggiornato a riguardo, ormai sono curioso.

  • Casa nuova – Predisposizione per sistema antifurto

    predisposizione_allarmeCiao,

    sono Enzo. Sto realizzando da solo l’impianto elettrico della casa in cui andrò a vivere entro fine anno. Tra le varie predisposizioni c’è anche quella per il sistema antifurto. Si tratta di una piccola casa singola con giardino e un balcone che gira tutt’attorno. Pensavo di acquistare dei contatti magnetici da installare sulle persiane e dei sensori a infrarosso nel salotto, nella cucina e magari qualche infrarosso a fasci sulla balconata e nel giardino.

    Pensi che posso andare come protezione? Ah! Dimenticavo di dirti che avrò un cane di media taglia che girerà in casa e nel giardino.

    Grazie, ciao

     

    Ciao Enzo,

    credo che la soluzione ideale per te sia proteggere bene il perimetro della casa con barrierine a stilo infrarosso e contatti a filo sulle tapparelle, in alternativa puoi sempre optare per contatti magnetici di apertura sugli infissi. All’interno ti basteranno dei sensori volumetrici da posizionare nei punti più critici come ingresso, accessi dall’esterno, passaggi.

    Grazie ai volumetrici potrai sfruttare anche la parzializzazione giorno/notte e stare al sicuro anche quando sei in casa.

    Non preoccuparti per la predisposizione…non cambia molto! Hai bisogno di tubi grandi vicino a porte e finestre e per i sensori da posizionare nelle stanze; ci sarà poi il combinatore telefonico, se non scegli un combinatore GSM, dovrai portare la linea PSNT vicino alla centrale. Per gli attivatori ricorda che, se vorrai sfruttare la parzializzazione, ne saranno necessari almeno due, uno vicino all’ingresso, l’altro nei pressi della zona notte.

    Infine, potrebbe essere utile una sirena esterna, in questo caso avrai bisogno di una tubatura vicino a un infisso, e una sirena interna se vuoi il pre-allarme per il perimetrale.

    Buon lavoro!

  • Predisposizione per impianto filare o sistema antifurto wireless?

    19 Dicembre 2013 • Antifurti, Installazione antifurto4 Commenti

    wifiBuonasera,

    mi trovo a dover fare una scelta importante. Ho firmato un contratto per l’acquisto di una casa su progetto e non so se conviene predisporre i cavi per un impianto a fili oppure optare per un sistema wireless da installare con calma, in un secondo momento.

    Grazie

    Santo

     

    Ciao Santo,

    devi sapere che fare la predisposizione insieme all’impianto elettrico è un’operazione a basso costo. In pratica, si stende qualche tubo in più, ma il lavoro maggiore è quello che si fa per il passaggio della corrente.

    Ricorda che un sistema via cavo, per quanto sia grande, è sempre meno costoso di uno via radio, quindi, se io fossi in te, farei fare la predisposizione e poi, quando lo riterrai più opportuno, completerai la protezione.