Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

si


  • Predisposizione per impianto filare o sistema antifurto wireless?

    19 Dicembre 2013 • Antifurti, Installazione antifurto1 Commento

    wifiBuonasera,

    mi trovo a dover fare una scelta importante. Ho firmato un contratto per l’acquisto di una casa su progetto e non so se conviene predisporre i cavi per un impianto a fili oppure optare per un sistema wireless da installare con calma, in un secondo momento.

    Grazie

    Santo

     

    Ciao Santo,

    devi sapere che fare la predisposizione insieme all’impianto elettrico è un’operazione a basso costo. In pratica, si stende qualche tubo in più, ma il lavoro maggiore è quello che si fa per il passaggio della corrente.

    Ricorda che un sistema via cavo, per quanto sia grande, è sempre meno costoso di uno via radio, quindi, se io fossi in te, farei fare la predisposizione e poi, quando lo riterrai più opportuno, completerai la protezione.

    Predisposizione per impianto filare o sistema antifurto wireless?
    5 su 4 voti

  • Falsi allarmi dei sensori di movimento PIR

    --Ciao,

    sono Gustavo e faccio l’elettricista, per questo ho installato da solo il mio impianto antifurto in parte filare e in parte via radio.

    In giardino ho posizionato dei sensori PIR a doppia tecnologia, pet friendly e immuni ai falsi allarmi, ma scattano ripetutamente e sempre alla stessa ora. Molto probabilmente succede a causa del sole, perché in inverno non accade e nemmeno in piena estate quando le fronde degli alberi creano ombra.

    Ho provato a spostarli, ma nulla. C’è qualcosa che posso fare o devo aspettare il cambio di stagione?

    Grazie

     

    Buonasera Gustavo,

    da come descrivi i fatti , potrebbe trattarsi di un’interferenza solare legata a un particolare angolo di incidenza, a dimostrarlo il fatto che, vuoi per l’ombra vuoi per una diversa posizione del sole, i falsi allarmi non si verificano sempre.

    E’ strano però che spostando i sensori, i falsi allarmi non siano cessati. Mi trovo costretto a farti delle domande…quanti sono i sensori che danno problemi? Sono tutti esposti nello stesso modo?

    A questo punto le cose son due…o non li hai spostati in maniera significativa, oppure il problema è un altro.

    Nel primo caso è possibile che lo spostamento dei sensori è avvenuto sull’asse orizzontale del sensore, quindi ai fini dell’interferenza non è cambiato nulla e allora ti consiglierei di modificare l’inclinazione.

    Nel secondo caso, ipotizzando un altro tipo di problema, azzardo dicendo che potrebbe trattarsi di uno sbalzo di temperatura legato ai primi caldi che porta problemi di condensa oppure problemi meccanici sul tamper. Per capire meglio prova a controllare i sensori subito dopo che si verifica il falso allarme e vedere se c’è qualcosa di strano o anomalo. In ultimo mi sento di dirti di provare a sostituire la lente e vedere se il problema si ripresenta.

    Fammi sapere, sono curioso!

    Falsi allarmi dei sensori di movimento PIR
    3.2 su 5 voti

  • Dispositivo anti-masking – Quanto è utile?

    antiacciecamentoPer il mio impianto di allarme senza filo che lavora su frequenza 433/434 Mhz, certificato CE0197 e CE1313, mi è stato proposto di acquistare un dispositivo “antiaccecamento”. Il prezzo è enorme! Pensi che sia così necessario per rendere il sistema inattaccabile?

    Grazie in anticipo

    Giulio

     

    Ciao Giulio,

    probabilmente ti riferisci a quello strumento che in gergo tecnico ha la funzione di anti-masking; si tratta di un dispositivo che si accorge di un tentativo di accecamento. Solitamente sono dispositivi non indispensabili nelle abitazioni, mentre è molto più utilizzato nei capannoni, nelle aziende, negli uffici poiché per mascherare un sensore è necessario che l’impiato sia disattivato, che il sensore sia accessibile e che nessuno si accorga del tentativo di manomissione. Quindi, se ritiene che questa procedura possa avvenire anche in casa tua senza che nessuno se ne accorga, allora forse è il caso di acquistarlo, altrimenti non ce n’è bisogno.

    Un consiglio: valuta la tua spesa anche e soprattutto in base ai valori che devi proteggere!

    Nella tua mail, sottolinei anche due sigle di marcatura CE, ne approfitto per spiegare meglio cosa significano. Le sigle identificano gli enti che hanno effettuato la conformità del prodotto, in ogni caso è sempre possibile verificare in maniera puntuale sull’apposita dichiarazione di conformità, rilasciata al momento della vendita.

    Un saluto

    Dispositivo anti-masking – Quanto è utile?
    4.65 su 6 voti

  • Connessione internet per videosorveglianza

    29 Agosto 2013 • Videosorveglianza4 Commenti

    telecameraAbbiamo deciso di installare in una casa che utilizziamo solo per le vacanze, al posto di un antifurto più costoso delle telecamere per videosorveglianza.

    Attualmente la linea internet per la fruizione delle telecamere avviene su ADSL che costa circa 20€ al mese.

    In TV abbiamo visto delle schede telefoniche con chiavetta internet a consumo a 5€ al mese, abbiamo quindi pensato di passare a questa “linea” per risparmiare … 60€ all’anno invece di 240€ … la quarta parte!

    Vorrei sapere però se questo tipo di linea è adatta alle telecamere.

    Grazie Benedetta

     

    Salve Benedetta,

    In teoria la trasmissione video si può attuare sia con collegamento su rete cellulare che su linea fissa senza alcun problema.

    Nella pratica però va valutata la velocità di connessione, al fine di vedere fluidamente e senza scatti lo streaming delle telecamere in casa.

    Questa valutazione va fatta in entrambi i casi, infatti mi è capitato più volte addirittura che il collegamento mobile fosse più veloce di quello tradizione.

    Se poi si vuole controllare casa tramite smartphone, il “problema” viene ridotto in quanto la trasmissione per cellulari viene ottimizzata e ridotta in risoluzione al fine di essere più “leggera” e necessitando di meno banda.

    La invito a controllare la qualità del segnale dei diversi operatori prima di acquistare la SIM, perchè possono avere velocità diverse ed i problemi che si potrebbero verificare con uno, magari non si verificherebbero con un altro. Il tutto ovviamente a vantaggio della fluidità di trasmissione.

    Connessione internet per videosorveglianza
    4.18 su 8 voti