Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Tipologie centraline antifurto

• di Redazione • Antifurti1 Commento

Domanda:

Buongiorno,

Attualmente quali sono le tipologie di centraline antifurto che si trovano in commercio?

Grazie

Fabio

Risposta:

Buongiorno Fabio,

devo dire che la tua domanda è abbastanza generica poiché ci sono tantissime tipologie e modelli di centrali d’antifurto, pertanto credo sia più corretto focalizzarsi sui prodotti di una singola ditta che propone sistemi di antifurto di alta qualità ad un buon prezzo.

  1. Entry Level – si tratta di una centrale ideale per coloro i quali non hanno l’occorrenza di necessità particolareggiate, ma vogliono solamente che il sistema di allarme faccia il proprio dovere, ovvero quello di attivarsi e suonare. La programmazione di questa centrale è dunque basilare ed essenziale, per questo è adatta a moltissimi utenti, ed offre comunque le regolazioni indispensabili per il corretto funzionamento di un sistema di sicurezza. Per questo motivo il suo prezzo risulta relativamente basso e quindi accessibile ai più.
  2. Semi Pro – con questa centrale le funzioni sono un po’ più avanzate riguardo la programmazione ed il carico dell’antifurto, pur garantendo semplicità nell’uso e nelle varie funzionalità. Rispetto al primo modello, è fruibile una più vasta possibilità di scelta in fatto di programmazione (immissione allarme perimetrale o totale; bilanciamento delle zone; opportunità di scelta su quali zone temporizzare e quali no) ed una configurazione elettronica più idonea a sostenere carichi rilevanti (ad esempio di sensori, di sirene e così via). L’antifurto sarà dunque valido e sicuro anche se di grosse dimensioni, ed il suo costo risulterà di impatto medio ma in ogni caso non elevato.
  3. Pro – l’azienda ha valutato che questa centrale è adatta per qualunque tipo di sistema di antifurto e per tutte le esigenze di sicurezza: la sua struttura, infatti, sostiene ottimamente un grande impianto, e dove non riuscisse a farlo o non dovesse avere i requisiti richiesti, si possono valutare delle espansioni da installare in modo facile e veloce (espansioni per rilevatori wireless e telecomandi, per aumentare i rilevatori, per l’alimentazione e così via). La programmazione della centrale risulta assolutamente versatile, poiché prevede qualunque genere di esigenza da parte dell’installatore, dell’utilizzatore e del luogo di installazione. Esistono poi delle vere e proprie chicche innovative come la tastiera parlante o la possibilità di gestione a distanza che rendono molto contento anche il cliente finale, il tutto ad un prezzo non eccessivo. Tuttavia è un po’ più lungo da impostare per l’utente che non ha grande dimestichezza con la tecnologia, anche se in realtà realizzando l’impostazione attraverso il pc, tale limite viene risolto ed anzi risulta molto scorrevole ed intuitivo.

Le tre tipologie si centraline appena delineate, qualunque sia il loro profilo, sono comunque tutte di livello professionale e perciò di eccellente fattura con una buona durata nel corso degli anni. Detto ciò, è fondamentale diffidare da quei sistemi di antifurto da supermercato o dagli installatori improvvisati e di passaggio! Bisogna rivolgersi sempre ad una ditta specializzata in grado di offrire assistenza tecnica, installazione, certificazioni e garanzie.

Tipologie centraline antifurto
4.8 su 6 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *