Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Impianto d’allarme particolare

• di Redazione • AntifurtiNessun commento

Buon pomeriggio,

mi chiamo Federico e ti scrivo per porti alcune domande in merito ad una situazione un po’ bizzarra che mi è capitata. Ti spiego: non molto tempo fa ho assisto alla presentazione di un sistema d’allarme assai particolare. Un installatore mi ha mostrato e proposto un impianto che a detta sua non necessita di sensori di rilevamento, al quale basta una centralina d’allarme da installare sulla parete per funzionare. Secondo quanto riportato da questo rivenditore, il sistema di sicurezza è in grado di memorizzare il perimetro dell’abitazione, attivandosi nel momento in cui qualcuno tenta di forzare e violare l’ingresso. L’aspetto più curioso e particole in tutto questo, sta nel fatto che anche quando l’impianto è attivo, si può stare tranquillamente all’interno dell’appartamento senza problemi. Qual è la tua opinione in merito? Secondo il tuo parere è possibile o è una bufala? Te lo chiedo perché sono molto interessato ad acquistare ed installare un buon sistema d’allarme per proteggere al meglio la mia abitazione, ma non vorrei incorrere in stranezze o fregature! Grazie infinite per l’attenzione che vorrai dedicarmi, spero tu possa chiarirmi un po’ le idee ed aiutarmi nella scelta!

Un saluto e complimenti per il blog!

Federico

Buon pomeriggio Federico,

grazie tante per i complimenti! Allora, leggendo la tua e-mail penso che il sistema d’allarme di cui ti ha parlato l’installatore sia basato sulla presenza dei sensori subsonici o infrasuono: si tratta di rilevatori sensibili alla variazione di pressione nell’ambiente da loro monitorato. I sensori infrasuono captano le frequenze prodotte dentro casa dalle porte o dalle finestre che si aprono, mentre i sensori subsonici memorizzano la pressione di un’area chiusa e ne intercettano la variazione quando si verifica l’apertura di porte e finestre.

Questa tipologia di sistema è stata introdotta sul mercato intorno agli anni ‘80, ma attualmente non è più usata a causa della poca affidabilità riscontrata e della difficile taratura dei sensori stessi. Sfortunatamente esistono svariati fattori, sia interni che esterni alla casa, che possono compromettere il corretto funzionamento dei sensori e dell’intero impianto. Infatti si tratta di sistemi di sicurezza ideali per l’installazione in locali chiusi con determinate caratteristiche, come ad esempio le cantine, i caveau e più in generale gli ambienti in cui gli spostamenti d’aria sono pressoché nulli.

Per tutte queste ragioni ti sconsiglio vivamente di utilizzarlo nella tua abitazione; calcola che più o meno allo stesso prezzo puoi dotarti di impianti d’allarme molto più sicuri ed efficaci (in commercio ci sono tantissimi modelli a prezzi vantaggiosi). Inoltre, grazie alla funzione denominata parzializzazione, puoi parzializzare le aree della tua dimora quando ti trovi all’interno, anche lasciando le finestre aperte: in questa maniera otterrai la possibilità di attivare il sistema in modalità notte quando sei nell’abitazione, lasciando la possibilità a te e alla tua famiglia di muovervi liberamente all’interno, proteggendo al contempo anche l’ambiente esterno.

Spero di aver risposto in modo chiaro alle tue domande, per altri dubbi o chiarimenti torna pure a scrivermi, e fammi sapere cosa decisi in merito all’acquisto del sistema d’antifurto! Un saluto

Impianto d’allarme particolare
4.1 su 3 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *