Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

appartamento


  • Come rendere sicuro l’appartamento

    perimetro_appartamentoPossiedo un appartamento di circa 140 mq all’ultimo piano di una palazzina in centro città. La casa è dotata di due balconi, uno sul fronte e l’altro sul retro, uno dei due coperto a veranda. Entrambi possono essere raggiunti dal tetto, in quanto su di me non c’è nessun altro appartamento, solo un lastrico solare.

    Vorrei proteggere la casa con sensori magnetici sulle 8 finestre e installare un sensore volumetrico all’interno, ma sono preoccupato per via dei gatti che circolano liberi per casa…

    Inoltre, ti chiedo dove è meglio posizionare la sirena esterna. Può il freddo dell’inverno compromettere l’efficienza del prodotto?

    Grazie mille

    Mauro

     

    Ciao Mauro,

    secondo me sarebbe meglio installare, oltre ai contatti magnetici, anche delle barrierine a stilo o dei sensori a tenda così da proteggere in maniera più accurata le finestre. Lo dico perché mi pare di capire che l’appartamento sia vulnerabile per via del lastrico solare. Questi sensori sono disponibili anche in versione PET, così i tuoi gatti non faranno scattare fastidiosi falsi allarmi.

    La sirena devi installarla all’esterno, non preoccuparti per le temperature, sono componenti testati per lavorare in condizioni rigide, ma fai in modo che sia abbastanza lontana da balconi o punti di appoggio, altrimenti potrebbe essere manomessa.

    Saluti

    Come rendere sicuro l’appartamento
    4.07 su 6 voti

  • Impianto antifurto per appartamento al primo piano

    telecamera infrarossiBuonasera,

    sono stato costretto dai ladri a mettermi alla ricerca di un buon impianto antifurto che protegga sia il mio appartamento che il box auto interrato. L’appartamento è al primo piano di un condominio in periferia, ha una porta d’ingresso, un lungo balcone a cui si accede da una vetrata scorrevole e 4 finestre. Il garage è interrato e ha una porta basculante in alluminio. Non ho predisposizione e sarei interessato anche a delle telecamere, una da piazzare sul balcone, in modo da controllare il giardino condominiale, l’altra in casa.

    Cosa è più adatto alla mia situazione? Su cosa mi oriento?

    Ti ringrazio in anticipo per tutte le dritte che mi darai.

    Saluti, Franco

     

    Ciao Franco,

    data la descrizione che mi hai fatto, ti consiglierei, come prima cosa, di proteggere le aperture tramite sensori a tenda. I sensori a tenda si applicano nella parte alta dell’infisso, sono esteticamente gradevoli e puoi trovarne anche senza fili, inoltre è una soluzione che ti permette di avere una protezione anche quando sei in casa. Io aggiungerei anche un paio di sensori volumetrici per l’interno dell’appartamento, mentre per il box auto opterei per una centrale compatta mono-zona dotata di sirena e chiave, collegata alla porta basculante con un contatto magnetico.

    Fai attenzione, invece, che la telecamera che piazzeresti all’esterno non inquadri suolo pubblico o comunque di passaggio, potresti avere problemi con la privacy. In più, le telecamere devono essere del tipo day/night o al limite affiancate da un illuminatore infrarosso per avere luce nelle situazioni notturne.

    Torna a scrivermi se hai bisogno! Saluti

    Impianto antifurto per appartamento al primo piano
    4.67 su 3 voti

  • Appartamento indifendibile – E’ possibile?

    appartamentoCiao,

    io ho un grosso problema. Ho un appartamento con predisposizione per impianto via filo; ogni stanza ha una predisposizione per i sensori, ma dopo un sopralluogo tecnico mi son sentito dire che la mia casa è indifendibile con sensori volumetrici per colpa delle predisposizioni realizzate male.

    Secondo il parere tecnico, pare che i sensori andrebbero a puntare verso le porte finestre e, poiché non si transita nella loro zona in maniera trasversale, non sarebbero in grado di rilevare i movimenti. Il consiglio di un amico è quello di installare un sensore DT.

    Ma cos’è un sensore DT? E poi, devo credere realmente a quanto dice?

    Grazie

    Filippo

    Ciao Filippo,

    non hai tutti i torti ad essere perplesso, lo sono anch’io. Non capisco quanto ti è stato detto dall’amico…i sensori a infrarosso passivo – PIR – sono sì più sensibili all’attraversamento che all’avvicinamento, ma ciò non significa che se ci si avvicina l’allarme non scatti.

    Se ti interessano gli aspetti tecnici, posso dirti che la perdita di sensibilità è dovuta all’allargarsi dei fasci di rilevazione a distanze in genere superiori ai 10 metri dal sensore. Il PIR rileva la variazione termica tra i fasci e quindi, quando i fasci sono più larghi la sensibilità è minore, ma al di sotto dei dieci metri è impossibile che un corpo umano non ‘tagli’ due fasci.

    Per quanto riguarda la seconda parte posso dirti che un sensore DT è un sensore a doppia tecnologia, ossia un sensore in cui si sommano la tecnologia infrarosso (PIR) e quella della microonda (MW), in un sensore DT è necessario che entrambe le tecnologie si attivino affinchè scatti l’allarme. Ora, dato quello che il tecnico pensa dei sensori PIR, non capisco come possa risolvere la questione installando dei sensori a doppia tecnologia, anche in questa maniera il PIR, secondo quanto afferma, continuerebbe a non scattare!

    E’ possibile che la tua predisposizione non sia delle migliori, soprattutto se hai acquistato un appartamento già pronto per la consegna e non allo stato grezzo, ma che la casa non possa essere difesa non è assolutamente vero!

    A questo punto, il mio consiglio è quello di chiedere un altro parere, vedrai che non avrai problemi!

    Saluti

    Appartamento indifendibile – E’ possibile?
    4.5 su 2 voti

  • Quale protezione per un appartamento su due livelli?

    appartamento 2 livelliCiao,

    scrivo per avere un parare sulla mia situazione. Ho da poco acquistato un appartamento al sesto piano di una palazzina in provincia di Bologna; ha la caratteristica di essere in un edificio a stecca, ossia con logge e tetto attaccati a quelli degli altri appartamenti.

    L’appartamento si sviluppa su due piani: il primo, pianta a C, ha una porta blindata, 3 portefinestre sulla loggia a sud e 2 finestre su loggia a nord, il secondo, sempre pianta a C, è collegato all’altro grazie a una scala a chiocciola interna, ma ha comunque una porta blindata (ingresso secondario da scala condominiale) e 3 finestre da tetto.

    Ho pensato a un impianto antifurto wireless, ma forse sviluppandosi su due piani ed essendoci una soletta massiccia (60 cm) non è indicato?!

    Puoi darmi qualche dritta? Io vorrei qualcosa che dia protezione anche quando sono in casa.

    Massimo

    Ciao Massimo,

    come hai ben immaginato, una soletta così alta potrebbe limitare la funzionalità di un sistema via radio, ma c’è anche da dire che una volta effettuata una prova di portata e verificato che il sistema arriva, forte o debole che sia, la trasmissione passa e tu non devi pensarci più.

    Data la configurazione dell’appartamento, direi che una protezione anche quando sei all’interno è indispensabile; ti basterà sfruttare la parzializzazione, ossia l’attivazione dei soli sensori perimetrali e il gioco è fatto.

    Per le finestre e le portefinestre ti consiglierei barriere infrarosso per esterno, sono componenti a stilo che si montano sull’infisso, nella parte esterna, e si possono usare anche con le finestre aperte, sono più affidabili dei contatti magnetici e permettono la parzializzazione. Per i velux non mi preoccuperei eccessivamente perché sono vie d’entrata e di fuga poco pratiche, soprattutto se si vuole portare via refurtiva ingombrante (televisore, pc, ecc), quindi una buona protezione volumetrica può bastare. Se il budget lo permette io estenderei la volumetrica anche al piano inferiore e per essere più sicuri installerei dei sensori appositi sulle porte blindate.

    Se vuoi altri chiarimenti, non esitare a scrivere.

    Quale protezione per un appartamento su due livelli?
    4.67 su 3 voti

  • Protezione esterna dell’appartamento

    sensore a tendaSalve,

    scrivo per un consiglio: ho un appartamento al quarto piano di una palazzina in periferia, con terrazzino sul davanti e uno sul retro (chiuso da veranda). Essendo all’ultimo piano il terrazzo sul fronte è facilmente raggiungibile dal tetto.

    Volevo posizionare dei sensori magnetici su tutte le finestre e un sensore di movimento all’interno della casa, solo che ho due grossi gatti e temo per i falsi allarmi. Ho qualche dubbio anche su dove posizionare la sirena esterna…di solito si consiglia di metterla in alto, ma nel mio caso è un po’ complicato.

    Mi hanno suggerito di installare sensori a tripla tecnologia nei terrazzi e nulla all’interno, e una sirena esterna, senza dispositivi di protezione, ma la soluzione non mi convince e ho paura che il freddo possa compromettere la circuteria…

    Qualsiasi dritta sarà preziosa!

    Grazie mille

    Gustavo

     

    Buongiorno Gustavo,

    il tuo appartamento è particolarmente vulnerabile dall’alto e dall’esterno, per cui affidarsi esclusivamente a una protezione perimetrale è sconsigliatissimo.

    Io fossi in te, valuterei l’installazione di barrierine a stilo o sensori a tenda in modo da proteggere in maniera appropriata le aperture, potresti anche aggiungere un sensore per esterno di quelli pet friendly, così da evitare i falsi allarmi.

    La temperatura rigida non è un problema, tutti i prodotti per esterno sono in grado di lavorare anche sotto lo zero, anzi ti dirò che per alcuni componenti è molto più preoccupante il caldo che il freddo!

    Protezione esterna dell’appartamento
    4.8 su 5 voti