Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Buongiorno


  • Centrale d’allarme con auto-esclusione

    24 Gennaio 2015 • Antifurti, Sensori perimetraliNessun commento

    finestra_apertaBuongiorno,

    spero di riuscire ad essere chiaro nell’esposizione della mia domanda: vorrei proteggere una finestra con persiana in modo che al momento dell’inserimento dell’allarme se la persiana è aperta, questo scatti quando viene forzata la finestra, mentre se è chiusa scatti forzando la persiana stessa. Esiste qualcosa?

    Grazie

    Enrico

     

    Ciao Enrico,

    oggi è possibile trovare quasi tutto sul mercato, basta sapere cosa cercare… Nel tuo caso c’è bisogno di una centrale con funzione di auto-esclusione della linea aperta: se la persiana è chiusa si tratta di un allarme normale, mentre se la persiana è aperta, la centrale auto-esclude la linea e la ri-arma solo se la persiana viene chiusa. Sulla finestra ti basterà installare un contatto magnetico di apertura e il gioco è fatto! Se vuoi una nozione tecnica, posso dirti che questo concetto è conosciuto come “modalità impulsiva”.

    Spero di esserti stato d’aiuto!

    Centrale d’allarme con auto-esclusione
    4.5 su 5 voti

  • Allarme per protezione appartamento

    perimetro_appartamentoBuongiorno,

    sono reduce da un grosso spavento. Ieri hanno tentato di entrare in casa, per fortuna mio figlio si è accorto dei rumori provenienti dalla porta e siamo risuciti a metterli in fuga, ma il portoncino è danneggiato e noi abbastanza terrorizzati. Credo sia necessario un sistema d’allarme, ma non so come orientarmi. Vivo all’ultimo piano di un condominio, ho una terrezza con veranda e due balconi. Cerco qualcosa che mi faccia stare al sicuro, ma che al tempo stesso sia semplice da utilizzare. Budget medio!

    Grazie

    Laura

     

    Ciao Laura,

    dato che hai molti balconi e terrazzi, magari facilmente raggiungibili dal tetto, consiglierei di proteggere il perimetro con sensori a tenda oppure barrierine a stilo infrarosso. Non sono complicati da usare, ma molto sicuri e immuni ai falsi allarmi!

    Con i sensori a tenda, i varchi son ben protetti, mentre con le barriere riesci a evitare danneggiamenti agli infissi

    A fare di un sistema d’allarme un buon sistema è l’installazione, quindi fai in modo che il posizionamento dei componenti sia fatto a regola d’arte. Aggiungerei una sirena da interno che ti permetta di avere una segnalazione discreta, ma sufficiente per mettere in fuga i ladri.

     

    Allarme per protezione appartamento
    4.63 su 4 voti

  • Collegamento sensori perimetrali e volumetrici

    caviBuongiorno e complimenti per il blog!

    Sto per installare un impianto d’allarme filare a casa mia, composto da 11 contatti magnetici (9 per le finestre e 2 per le porte) e 2 sensori volumetrici per l’interno. C’è anche un contatto magnetico da installare sulla porta del garage e per questo avevo predisposto un cavo perimetrale da 6 fili che collega le finestre e le porte e poi un cavo che collega i sensori interni. Ora la mia domanda è se posso collegare il cavo perimetrale usando due fili da 0.75 in modo da avere un collegamento in serie per tutte le finestre e con due fili da 0.22 collegare i sensori per le porte?

    In più vorrei usare il cavo della sirena esterna da otto fili per collegare il contatto magnetico sul sezionale garage e un inseritore da posizionare all’ingresso. Grazie

    Paolo

     

    Ciao Paolo,

    il collegamento in serie delle finestre si può fare e puoi farlo con due fili, quelli da 0.75 per esempio, ma devi sapere che non avrai la segnalazione di manomissione e, in caso di allarme, non saprai con certezza da quale sensore è scattato.

    Per i sensori sulle porte, che ti consiglio di ritardare, puoi fare la serie dei due ingressi che, però, devono essere per forza separati.

    Il collegamento dell’inseritore, invece, è più complicato. Non so quanti fili siano necessari, ma due fili da 0.75 servono per alimentare la sirena, due da 0.22 servono per il tamper della sirena e almeno uno, sempre da 0.22, per l’allarme/blocco della sirena e con quelli restanti sarà difficile collegare altro.

    Collegamento sensori perimetrali e volumetrici
    4.18 su 10 voti

  • Costi di un sistema d’allarme perimetrale

    allarme perimetraleBuongiorno,

    sono Giorgia e ho bisogno di un sistema perimetrale anche se sono ancora indecisa tra il wireless e il via cavo. Vorrei sensori a doppia tecnologia, forse sei, una centralina programmabile e una sirena esterna. Quanto potrebbe arrivare a costarmi?

    In più ho una curiosità: mettiamo che il sistema lo aziono solo di notte, se di giorno arriva un ladro, potrebbe manomettere i sensori? E se arrivassero a staccarmi la corrente direttamente dal contatore, cosa accadrebbe?

    Grazie mille

     

    Salve Giorgia,

    la preoccupazione sulla manomissione dei sensori durante il giorno è infondata, perché anche quando il sistema non è inserito, la centrale controlla comunque le periferiche 24 ore al giorno (anti-manomissione). In ogni caso, l’impianto dovrebbe essere disinserito solo quando c’è qualcuno in casa e in quel caso sarebbe difficile al ladro manomettere i sensori del giardino!

    Se, invece, dovessi ritrovarti senza corrente elettrica, la centrale passa automaticamente dall’alimentazione principale a quella secondaria, ossia a quella della batteria. Te ne accorgi solo perché avviene una segnalazione tecnica, trasmessa attraverso combinatore telefonico oppure attraverso comunicazione digitale per permettere il ripristino.

    Per quanto riguarda i costi, credo che un sistema come quello che hai descritto si aggiri attorno ai mille euro, poi c’è da aggiungere il costo dell’installazione. Per risparmiare sui componenti dovresti preferire un sistema filare!

     

    Costi di un sistema d’allarme perimetrale
    4.48 su 10 voti

  • Sensori perimetrali infrasonici

    27 Settembre 2014 • Antifurti, Sensori perimetraliNessun commento

    MoscheBuongiorno,

    ho letto molto sul tema e credo di aver capito che tecnologie come gli infrarossi e le microonde da esterno non sono totalmente affidabili, peggio ancora se parliamo delle barriere ad infrarosso attivo. Pare si stiano affermando, in loro sostituzione, nuove tecnologie capaci di rilevare onde subsoniche a bassa frequenza; questi sensori andrebbero posizionati sotto il terreno a circa 80 cm di profondità. Ho anche letto che non hanno elettronica a bordo e non sono alimentati, per cui niente guasti e niente manutenzione. Sono utili per la protezione di recinzioni rigide, gradini e vialetti, ma anche tubazioni e pavimenti flottanti! Cosa ne pensi a riguardo?

    Grazie

    Ivan

     

    Ciao Ivan,

    grazie per il tuo intervento. Purtroppo quello dei sensori infrasonici è un argomento delicato, poiché queste nuove tecnologie peccano di affidabilità e il rapporto qualità prezzo non è dei migliori.

    Dici bene quando affermi che le protezioni infrarosso non garantiscono sicurezza al 100%, ma è anche la tecnologia che negli ultimi anni ha preso il sopravvento grazie al costo contenuto e alla prestazione fornita. Anche i sensori doppia tecnologia cono componenti molto validi, meno sicura del semplice infrarosso, ma poco soggetto ai falsi allarmi.

    Ricorda che per fare di un prodotto un buon prodotto non basta la tecnologia, ma vanno valutati anche la facilità di installazione, l’affidabilità e il rapporto qualità-prezzo.

    Sicuramente anche i sensori infrasonici avranno una sviluppo notevole nella protezione perimetrale, ma per ora non li consiglierei, ecco!

    Sensori perimetrali infrasonici
    4.07 su 6 voti