Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Il sensore infrarossi attraversa i vetri

Molti sistemi antintrusione sono costituiti da sensori di movimento basati su un sistema passivo che rileva l’energia a infrarossi. Questi sensori sono noti anche come sensori piroelettrici (PIR infrarossi passivi) e rilevano la temperatura di un corpo umano. Gli esseri umani irradiano un’energia infrarossa con una lunghezza d’onda compresa tra 8 e 10 micrometri e i sensori sono sensibili, normalmente, nell’intervallo tra 8 e 12 micrometri.
Si tratta di semplici dispositivi costituiti da componenti elettronici non diversi da un fotosensore che rileva e amplifica i segnali provenienti dagli elettroni. Si chiamano passivi in quanto non emettono ma si limitano a rilevare la variazione di temperatura in un ambiente, grazie ad una lente che suddivide il volume in fasci e piani e ad corpi sensibili o piroelettrici. Quando un corpo umano attraversa questi fasci genera un allarme. Vengono utilizzati comunemente nelle protezioni volumetriche interne e sono molto diffusi per la praticità d’installazione (in genere non superano la barriera fisica), l’elevata immunità ai falsi allarmi e l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ma, se si dispone di un allarme antifurto con sensori di movimento si può notare che questi non possono “vedere” ciò che succede oltre le finestre. Questo perché il vetro non è trasparente all’energia a infrarossi. Per le parti esterne da proteggere occorrerà quindi predisporre un sensore esterno, avvolgendone l’involucro per mantenerlo asciutto e posizionarlo perpendicolarmente a porte e finestre. Chiunque passerà sul patio o sul terrazzo verrà così rilevato. All’esterno vengono utilizzati più spesso i rilevatori a infrarossi attivi, che emettono un fascio a raggi infrarossi che innesca un allarme quando il fascio viene attraversato da una persona. Da tenere presente che gli infrarossi passivi sono soggetti alle variazioni termiche e quindi non sono indicati per zone a diretta esposizione solare o alle aree ventilate e si preferisce, in questi casi, utilizzare l’infrarosso attivo che è progettato per l’esterno e non subisce interferenze ambientali. Qualunque sensore a infrarossi è un rilevatore di sorgenti di calore quindi va montato lontano da oggetti termici come piscine, caloriferi, oggetti riflettenti e quindi anche i vetri. Volendo proteggere l’apertura delle porte e delle finestre, una buona soluzione è costituita dai contatti magnetici di apertura. Sul mercato esiste una serie di dispositivi che funziona a batterie e che non ha bisogno di cablaggio. Quando un veicolo o una persona attraversano il raggio d’azione del sensore il ricevitore ebette un suono. Il sistema di allarme a infrarosso è completamente wireless e può essere posizionato ovunque ma possibilmente non vicino a sorgenti da calore.

Share Button
Il sensore infrarossi attraversa i vetri
4.3 su 4 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *