Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Sensori di pressione, volumetrici e perimentrali

• di Mario PaladinoAntifurti, Sensori perimetraliNessun commento

sensore_pressioneSalve,

mi hanno consigliato di installare un impianto antifurto basato sulla rilevazione della modifica della pressione d’aria interna dell’appartamento. Ora la mia domanda è: quanto è affidabile un sistema del genere? Ho letto che genera parecchi falsi allarmi, è vero?

Forse è giusto precisare che la mia casa si sviluppa su due piani, ha già una predisposizione per i sensori perimetrali e per quelli volumetrici e che ha un giardino su tre dei quattro lati.

Io ho anche un’altra necessità, ossia quella di proteggere casa prima che i ladri arrivinoi a scassinare porte e finestre!

Grazie per la risposta che mi darai

Giulia

 

Buongiorno Giulia,

i sensori di pressione sono una tecnologia ormai superata, ma soprattutto inutilizzabili in grandi ambienti, a causa della perturbabilità naturale legata a spifferi e correnti d’aria.

A mio avviso, avendo già una predisposizione per i sensori perimetrali e volumtrici, sarebbe più opportuno sfruttare i sensori via cavo (perimetrali e volumetrici) che costano meno e sono più affidabili per una struttura che si sviluppa su due livelli come la tua casa!

Inoltre, utilizzando le tecnologie che ti consiglio hai anche la possibilità di proteggere zone diverse, in momenti diversi, anche e soprattutto se sei in casa.

Invece, per difendere la casa prima che i ladri si possano avvicinare troppo, ti consiglio di installare delle barriere a stilo o dei sensori volumetrici da esterno a protezione delle finestre.

Spero di esserti stato utile.

Ciao Giulia

Share Button
Sensori di pressione, volumetrici e perimentrali
4.93 su 8 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *