4.6/5 - (6 votes)

Antifurto senza fili

Acquistare ed installare un impianto senza fili “wireless” è semplicissimo, in quanto la messa in posa del prodotto non richiederà opere murarie, per la composizione dell’impianto basta prendere atto del numero delle finestre e delle porte, oltre alle zone da proteggere (ad esempio quante stanze ci sono in casa, quali sono le zone di passaggio obbligato dove inserire dei sensori di movimento),  tenendo ovviamente conto della tipologia di impianto, se sarà da attivare su di una casa singola, una villa oppure una abitazione in appartamento.

Nello specifico per il sistema d’allarme si devono considerare in ordine di importanza le centraline, ovvero la base dell’impianto  è infatti da quì che si gestiranno tutti i sensori. Queste possono essere con combinatore GSM o collegate alla rete fissa di casa per  poter effettuare le chiamate di allarme, sono da considerare come detto prima anche i sensori di apertura, stabilendo un perimetro  effettivo dell’impianto. Al perimetro si assocerà la protezione interna, così da avere una “seconda pelle” di protezione. Da non sottovalutare  poi le sirene esterne, deterrenti visivi e sonori che forniranno anche la prima protezione esterna.

Il tutto poi sarà gestibile (attivabile, disattivabile, parzializzabile) da comodi telecomandi portachiavi, oppure per chi preferisce  tastierine inserite vicino alla porta d’ingresso o eventualmente dal cellulare o da chiavi elettroniche, sia a sfioro sia ad inserimento.

Articoli simili

4 Commenti

  1. Ok va bene, possiamo approfondire le questioni relative alle varie frequenze d’uso dei sistemi di allarme?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.