Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Sensori CCD VS CMOS

• di Redazione • Richieste assistenzaNessun commento

Domanda:

Buon pomeriggio,

mi chiamo Alessandro e non molto tempo fa ho avuto modo di leggere un altro articolo sul forum sull’argomento sensori CCD sensori CMOS, tuttavia mi piacerebbe capire meglio quali sono i vantaggi e gli svantaggi nell’uso dei rilevatori CCD e nell’uso dei CMOS nell’ambito della videosorveglianza, in particolar modo durante la fase di costruzione della videocamera. Ringrazio in anticipo per la disponibilità nella risposta!

Un saluto

Alessandro

Risposta:

Buon pomeriggio Alessandro,

per rispondere in maniera chiara e dettagliata, ti propongo la seguente suddivisione tematica fra le due tipologie di sensori, così da farti capire nel miglior modo possibile i diversi ambiti di applicazione di entrambi i rilevatori.

Telecamera con sensore CCD

Il sensore CCD, usato per le telecamere di videosorveglianza da più di 20 anni oramai, assicurano diversi vantaggi in fatto di qualità, fra cui una più elevata sensibilità alla luce rispetto al modello CMOS. Tale caratteristica ha come diretta conseguenza la garanzia di immagini qualitativamente migliore, soprattutto in condizioni in cui l’illuminazione scarseggia. Nondimeno, i rilevatori CCD hanno un costo maggiore, in quanto la loro integrazione nelle videocamere necessita di un’operazione complessa e abbastanza laboriosa. In più, se lo scenario comprende un oggetto notevolmente luminoso (per esempio la luce solare diretta), il CCD non riesce ad acquisire in modo corretto le immagini (inoltre su queste ultime frequentemente sono percepibili delle strisce verticali di luce al di sopra e al di sotto dell’oggetto); tale fenomeno viene indicato come distorsione a strisce verticali.

Telecamera con sensore CMOS

Per via delle recenti innovazioni tecnologiche, il sensore CMOS è ora capace di offrire delle immagini di qualità pari a quella dei rilevatori CCD, anche se tuttavia risulta comunque non adatto alle videocamere che hanno il compito di creare immagini di elevatissima qualità. Il sensore CMOS riduce di molto il costo della telecamera in quanto contiene tutti i componenti utili alla camera stessa. In più, si possono utilizzare per le telecamere di ridotte dimensioni; questa tipologia di rilevatore è comunque disponibile anche in formato più grande, in grado di fornire la risoluzione in mega pixel a numerosissime videocamere di rete (ne sono un esempio perfetto IP camera dell’azienda di Roma Mondialtec: per info www.mondialtec.it). Detto ciò, passando agli svantaggi, uno dei limiti più rilevanti dei rilevatori CMOS proviene dalla loro minor sensibilità alla luminosità, il che non rappresenta un aspetto critico in situazioni di luce normale, ma può diventare un problema se nell’ambiente in cui sono installati la luminosità scarseggia. A tal proposito, infatti, di solito le immagini generate da questo tipo di sensore in situazioni di scarsa luce, possono risultare estremamente scure o addirittura disturbate.

Detto ciò, risulta ovvio come la scelta dell’uno o dell’altro sensore deve essere fatta in base alle caratteristiche del locale in cui devono essere installati! Spero di averti chiarito le idee su questo argomento, se dovesse servirti scrivimi ancora e ti risponderò. Infine, se vuoi davvero avere a che fare con una azienda valida per l’acquisto, ti rinnovo l’invito a visitare il sito della Mondialtec! Saluti

Sensori CCD VS CMOS
4.4 su 3 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *