Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Espansione di un sistema antifurto con sensori perimetrali

• di Mario PaladinoAntifurti, Sensori perimetraliNessun commento

sensori_giardinoBuongiorno,

sono Antonella e vivo in una casa singola su due piani, con giardino. Da non molto tempo, ho fatto installare un sistema di allarme perimetrale a piastrine a filo sulle finestre, ma non sugli scuri, mentre all’interno ci sono sensori volumetrici, che attivo solo nel momento in cui siamo tutti fuori casa.

Ora sto pensando di installare un allarme anti-intrusione nel giardino, il meno visibile possibile, in modo da evitare lo manomissione e il danneggiamento degli infissi. Cosa consigli?

Leggendo le tue altre risposte, ho capito che bisogna esser precisi nelle domande e allora specifico di avere anche un cane di taglia media e dei gatti.

Ciao e grazie

Antonella

 

Ciao,

mi chiedi soluzioni invisibili, per questo mi sento di consigliarti sensori a tenda, barriere e barrierine a filo, che rappresentano anche un ottimo compromesso, data la presenza di numerosi animali domestici.

Sono disponibili in molte colorazioni, quindi ben si adattano a qualsiasi tipologia di serramento tu abbia, se ti preoccupi dell’estetica della casa e del giardino. In più, intervengono prima che gli infissi vengano scassinati e possono essere attivati in modo totale o parziale, in presenza e in assenza di persone.

Il livello di protezione di questi componenti è simile: le barriere e i sensori a tenda proteggono con un raggio radente la superficie del perimetro, per questo il nome di sensori perimetrali!, mentre le barrierine a stilo generano un fascio di raggi infrarosso incrociati.

Non dovresti avere problemi con questi componenti, anche se il tuo è un caso di espasione di sistema già esistente; si tratta di componenti disponibili sia via cavo che via radio, che al massimo richiedono un adattamento in centrale.

Ti saluto

Share Button
Espansione di un sistema antifurto con sensori perimetrali
4.58 su 6 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *