Logo antifurtocasa.it Antifurto Casa

La tua guida ai sistemi di allarme

Sistema antifurto wireless e antenna esterna

• di Mario PaladinoAntifurti, Antifurto wireless, Telecomandi2 Commenti

Ciao,

sono Luigi e ho una centralina d’allarme a cui sono collegati sensori filari e sensori wireless; l’attivazione del sistema, per ragioni mie, avviene via telecomando dall’esterno – trasmissione a 433,92 MHz con rolling code.

Il problema è che la centralina è abbastanza lontana dalla porta d’ingresso e, alcune volte, faccio fatica ad attivarla e disattivarla e non ho possibilità di spostarla.

Stavo così pensando di spostare l’antenna nei pressi della porta d’ingresso, magari collegandola con un cavo schermato di circa 4-5 metri…può funzionare? Che cavo e che antennina dovrei utilizzare?

Grazie mille

Luigi

 

Ciao Luigi,

dovrebbe essere sufficiente acquistare un’antenna esterna compatibile con la tua frequenza; spesso questo tipo di collegamento si fa con un cavo coassiale. Il problema potrebbe nascere se la centrale non avesse la predisposizione per una antenna esterna.

Qualsiasi conduttore elettrico può fungere da antenna, per questo è importante che il collegamento al circuito sia schermato in maniera adeguata, se così non fosse si va ad alterare la lunghezza, di conseguenza la frequenza, su cui opera l’antenna, rendendola inutile.

Ricapitolando: se la scheda della centrale prevede l’ingresso per l’antenna esterna non hai problemi; se l’antenna ha un ingresso che può essere intercettabile, allora si può fare, ma con il supporto della casa madre, mentre se l’antenna è in parte sul circuito l’operazione è complessa e hai bisogno per forza dell’assistenza dell’azienda.

Tienimi aggiornato!

Share Button
Sistema antifurto wireless e antenna esterna
4.47 su 6 voti

Ti potrebbe interessare anche...



Tags:

Commenti all'articolo

  1. Luigi ha detto:

    Scusatemi, sapreste dirmi la distanza minima da rispettare tra antenna GSM del combinatore e sensore di presenza?

    Grazie

    • roberto ha detto:

      Salve

      non c’è una distanza minima formalmente stabilita. Il sensore di presenza se di nuovo qualità non dovrebbe risentire delle interferenze potenzialmente prodotte dal combinatore gsm e quindi può essere installato anche nelle vicinanze.

      a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *