4.8/5 - (7 votes)

codificaCiao,

io e mia moglie stiamo scegliendo un allarme da installare e vorremmo capire cosa pensi di un impianto che prevede contatti sulle porte e sulle finestre con tre funzioni (finestra, persiana, anti-shock), una centrale che lavora in monofrequenza con codifica a 48 bit. Che differenze ci sono tra una codifica a 48 bit e una doppia frequenza in termini di sicurezza?

Grazie

Alfonso

 

Salve Alfonso,

la codifica e la mono/doppia frequenza sono aspetti diversi di un sistema d’allarme via radio, ma facciamo chiarezza.

La codifica si applica alla trasmissione dei codici dai sensori e dalle periferiche alla centrale ed è molto simile a un codice segreto: più il codice è lungo, più sarà difficile duplicarlo, più sarà sicuro.

La doppia frequenza, invece, assicura che i vettori di trasmissione non vengano oscurati da apparecchi che rendano sorda la centrale.

Quindi, ricapitolando, la codifica assicura che la trasmissione sia pulita e univoca, mentre la doppia frequenza dà maggiore affidabilità e sicurezza rispetto ad attacchi esterni.

Per quanto mi riguarda, sceglierei la doppia frequenza in quanto un impianto via radio ha un’alta probabilità di essere oscurato.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.